Spettacoli

Il teatro Verdi on line racconta le passioni amorose dei grandi compositori

Forte dell’entusiastico successo di “TGVP on demand” – la programmazione lanciata dal Teatro Verdi di Pordenone per restare sempre in contatto con il suo pubblico in questo periodo segnato dallo stop che la pandemia ha impostato al mondo dello spettacolo dal vivo – il Verdi annuncia ora una nuova serie di clip video dedicate alla divulgazione musicale, arricchita da accattivanti aneddoti su particolari momenti della vita dei grandi compositori della storia.

Realizzato in collaborazione con Fondazione Friuli, Musica, che Passione! è infatti il titolo del tema che il musicologo Alberto Massarotto propone in cinque, nuovi appuntamenti che saranno proposti quotidianamente, a partire da martedì 5 maggio, sempre alle 18.00, orario in cui si svolgono tradizionalmente i concerti di musica da camera del Verdi.

La nuova serie di pillole, rivolte ognuna a un determinato compositore, sarà pubblicata sulla apposita sezione del sito internet del Verdi riservata ai video, condivisi parallelamente sui profili Facebook, Instagram e Twitter del Teatro. Musica, che Passione! offre così la possibilità di approfondire l’ascolto della musica legata alle vicende amorose che hanno coinvolto alcuni dei più grandi musicisti della storia, da Mozart a Beethoven, da Chopin a Mahler.

Risulta difficile oggi immaginare come sarebbe cambiato il corso della storia se Mozart pressoché ventenne non si fosse innamorato di sua cognata, se Chopin non fosse fuggito su un’isola selvaggia con la scrittrice George Sand o ancora se Robert Schumann avesse scelto un altro insegnante di pianoforte. Di sicuro non avrebbero composto alcune delle loro pagine più toccanti, capolavori indimenticabili dettati da precise circostanze dell’esistenza di questi autori.

Musica tutta da raccontare dunque da un inedito punto di vista, quello delle relazioni amorose e delle questioni di cuore, oltre che musica da ascoltare tutti insieme grazie ai suggerimenti e ai consigli contenuti in questa serie di avvincenti guide all’ascolto, ideate per condividere il piacere della musica anche dal salotto della propria casa, in attesa di tornare ad abitare nuovamente gli spazi del Teatro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button