Treviso

Il focolaio Covid all’Oras di Motta/Ecco la ricostruzione dell’Ospedale

Riportiamo qui di seguito ed in versione integrale, il comunicato diffuso poco fa dall’Ospedale riabilitativo di Motta di Livenza, dopo la notizia di alcuni casi positivi al covid nella struttura che finora era stata risparmiata dal virus.

Sabato 14 novembre ore 9 e 36.
Nel sistema di comunicazione “Emergenza COVID” di ORAS, la Direzione Sanitaria immette il seguente messaggio: ATTENZIONE. Focolaio attivo in Cardiologia, Medicina (ndr: reparto unico).
Stiamo procedendo con i tamponi molecolari per il personale ed i pazienti.
Mantenere separati i due reparti senza commistioni.
Bloccati i ricoveri e movimenti per il reparto interessato.
DH Riabilitazione Cardiologica sospeso ….

Ma com’è possibile?
Il nostro Ospedale dedicato alla Riabilitazione di alta specializzazione era orgogliosamente COVID-Free.

Venerdì 13 novembre. Arriva il risultato positivo di un tampone richiesto per il paziente P.M. (è il paziente Zero).
P.M. era arrivato Venerdì 6 novembre dalla Cardiochirurgia dell’Ospedale di Treviso; come da accordi fra ospedali, prima del trasferimento viene fatto un tampone con il risultato negativo.
Il paziente aveva iniziato il normale percorso riabilitativo.
Dopo l’insorgenza di sintomi viene subito trasferito in Pneumologia all’Ospedale di Treviso.

Sempre il giorno 13 novembre viene effettuato un tampone al paziente R. Z., che aveva passato una giornata in stanza con P.M. ed alla paziente D.A. che presentava alcune linee di febbre.
I pazienti vengono isolati, in attesa del tampone, e si iniziano ad eseguire i tamponi agli altri pazienti ed al personale in servizio.
I tamponi eseguiti ai pazienti R.Z. e D.A. sono positivi.

In accordo con l’ULSS si decide di creare un reparto COVID nel nostro Ospedale.
Si ripristinano le scorte dei dispositivi necessari, si ridistribuiscono i pazienti in modo da ridurre le possibilità di contagio e si prosegue nell’esecuzione dei tamponi.
Verso le 10 di sabato sera arrivano i primi risultati da cui risultano 4 pazienti nuovi positivi e anche alcuni operatori sanitari.
La notte però passa relativamente tranquilla.

È domenica 15, alle 8 di mattina sono presenti l’amministratore Delegato, la Direzione Sanitaria, i Primari interessati e l’Ufficio Tecnico.
Si organizza il nuovo reparto e, lavorando tutto il giorno, si procede a dimettere i pazienti con con tampone negativo che hanno la possibilità di rientrare a domicilio.
Lunedì 16, l’Ospedale riprende la vita normale in tutti settori, mentre si conclude la suddivisone del reparto con gli interventi tecnici necessari per isolare i casi positivi.

Martedì 17 il repartino COVID è attivo ed organizzato ed ospita 15 pazienti positivi, quasi tutti asintomatici.
Vi sono anche 7 operatori positivi al Coronavirus.
Prima di dichiarare la conclusione del focolaio, dovranno passare almeno 10 giorni durante i quali verranno effettuati almeno due cicli di tamponi.
Nel resto della struttura continuano regolarmente le attività ambulatoriali ed i ricoveri in sintonia e coordinamento con l’Ulss 2 “Marca Trevigiana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button