Home -> Pordenone -> Il Dna incastra un ladro per un furto di 7 anni fa

Il Dna incastra un ladro per un furto di 7 anni fa

La Giustizia si sa, ha la memoria lunga.
Anche i Carabinieri di Polcenigo, come ha potuto constatare un 56enne sacilese da qualche tempo domiciliato a Valvasone Arzene.

I militari indagavano su due furti avvenuti rispettivamente il 30 ottobre 2015 e il 15 luglio 2012.

Molti indizi riconducevano al 56enne che alla fine è stato inchiodato alle sue resposanbilità dai Ris di Parma.
L’analisi di alcuni reperti biologici ha infatti permesso di accusare l’uomo senza che vi siano dubbi sulla sua resposanbilità.

I fatti.
Il furto di 4 anni fa avvenne a Polcenigo, ai danni del ngozio “Mora” di Via Maggiore.
Qui il ladro si era impadronito di contanti e generi alimentari, dopo aver fatto bisboccia tranquillamente durante il furto.
Era stato però intercettato dai proprietari e messo in fuga: scavalcando un muro si era ferito ed aveva dovuto abbandonare la refurtiva.
Nel negozio si era servito di alcune birre in lattina, lasciandoci sopra il suo dna.

Secondo i Carabinieri, è opera del 56enne pregiudicato anche un secondo furto, compiuto la notte del 15 luglio 2012 ai danni della Pizzeria Da Genio al Gorgazzo.
Anche in quel caso il furfante si ferì, pare rompendo una finestra sul retro del locale e anche in questo caso gli accertamenti del Ris indicano che le tracce ematiche riconducono proprio al 56enne ora chiamato a rispondere di due furti aggravati dei quali forse nemmeno si ricordava più.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*