Friuli Venezia Giulia

Il Consiglio regionale ha ricordato stamani il casarsese Gioacchino Francescutto

Trieste, 15 dic – Un minuto di raccoglimento, questa mattina in Consiglio regionale, per ricordare la figura di Gioacchino Francescutto, scomparso nei giorni scorsi a 79 anni.
Il presidente dell’Assemblea Fvg Piero Mauro Zanin ha ripercorso in Aula i momenti salienti della sua vita e del suo intenso percorso politico.
Nato nel 1941 a San Giovanni di Casarsa, Francescutto lavorò nell’Ente regionale per lo sviluppo dell’artigianato alla fine degli anni Sessanta e cominciò la carriera politica nel Comune di Casarsa della Delizia, diventandone sindaco nel 1974, alla guida della prima giunta di centrosinistra.

Fu poi presidente della Provincia di Pordenone dal 1980 al 1983 prima di approdare in Regione nella quinta legislatura, assumendo per cinque anni l’incarico di assessore all’industria e all’artigianato. Nelle successive legislature – ha ricordato ancora Zanin – fu assessore al commercio e turismo e in seguito vicepresidente della Giunta regionale, nel secondo esecutivo guidato da Adriano Biasutti.

Abbandonata la politica attiva negli anni Novanta, Gioacchino Francescutto si dedicò all’associazionismo sportivo nella Federazione di atletica leggera e assunse la presidenza della società ciclistica Marchiol.
Il presidente del Cr Fvg ha ricordato in Aula alcune delle intuizioni di Francescutto, dalla valorizzazione della figura di Pier Paolo Pasolini all’avvio del progetto del Mittelfest, ai tempi in cui ricopriva l’incarico di assessore regionale al turismo.
È stato ricordato anche il suo legame politico con l’ex ministro degli Esteri, Gianni De Michelis, con il quale condivise l’apertura al Centro Europa e la spinta a una maggiore cooperazione tra le regioni del Nordest.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button