Pordenone

Il Capo della Polizia alla Mostra pordenonese

Il Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Prefetto Franco Capo Gabrielli al termine del convegno “Multimedialità e Sicurezza” si è recato in Questura ove ha incontrato le donne e gli uomini della Polizia di Stato che quotidianamente assolvono con passione e impegno al loro servizio per il bene delle comunità della Provincia di Pordenone.

Successivamente, nel pomeriggio il Capo della Polizia ha visitato la Mostra in corso nel Parco Galvani, presso la sede del Museo del Fumetto Paff! intitolata “Matite & Manette – la Polizia nel Fumetto”, inaugurata lo scorso 25 novembre e che avrà termine il 2 febbraio prossimo, evento che sta riscuotendo ampio interesse e successo nel capoluogo della “destra Tagliamento”

il Capo della Polizia nelle sale del Museo del fumetto è stato accompagnato dal Sindaco di Pordenone Alessandro Ciriani, il Governatore della Regione Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, dai Questori del Friuli Venezia Giulia e da un centinaio di studenti delle scuole primarie e secondarie di Pordenone.

Il Direttore del Paff Giulio De Vita ed il Vice Direttore Emanuele Barison, disegnatori di fama internazionale, hanno quindi illustrato i contenuti delle “Tavole e Opere” di personaggi e investigatori provenienti anche da paesi esteri.

Durante la visita, c’è stato un momento in cui sono stati ricordati i Caduti della Polizia di Stato, ai quali è altresì dedicata la Mostra, ed è stata donata al Capo della Polizia la tavola originale disegnata da Emanuele Barison ritraente gli agenti Matteo Demenego e Pierluigi Rotta tragicamente caduti a Trieste in servizio nel pomeriggio del 4 ottobre dello scorso anno.

Il Capo della Polizia, nel ricevere il ritratto di “Matteo e Pierluigi”, che con il loro sacrificio hanno tracciato una indelebile strada da percorrere, indicandoci il modo di come percorrerla, ha consegnato al Questore di Trieste Giuseppe Petronzi il ritratto dei due colleghi, affinché fosse custodita la loro memoria proprio nella città per la quale come “Figli delle Stelle” hanno reso il servizio per il bene della comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button