Home -> Spettacoli -> Il Brit Rock di Anna Calvi emoziona il pubblico di Suoni di Marca
Anna Calvi - Ph Lino Tamai

Il Brit Rock di Anna Calvi emoziona il pubblico di Suoni di Marca

Atmosfera internazionale e sonorità rock, Anna Calvi sale sul palco di Suoni di Marca Festival 2019 e regala uno spettacolo unico ed emozionante, conquistando il pubblico con il nuovo album di inediti “Hunter”.

Un talento musicale che ha saputo ritagliarsi uno spazio molto raffinato nel panorama europeo, grazie anche alla sua formazione classica e alla sua passione per l’opera italiana e francese sin dalla tenera età.

Sonorità psichedeliche, dal sound blues, hanno incantato le mura trevigiane e tutti i fan che sono accorsi numerosi per ascoltare la musica passionale, lussuriosa, ma allo stesso tempo introversa, della giovane cantautrice inglese. Un concerto eccezionale in cui non sono mancati brani di grande successo, quali “As a man”, “Don’t beat the Girl out of my Boy”, “Desire”, “Piece by Piece” e “Strange Weather”.

L’artista dal sangue italiano ha stupito con il suo ultimo lavoro discografico, prodotto da Nick Launay (Nick Cave, Grinderman) ai Konk Studios di Londra e a Los Angeles. Album registrato grazie alla maestria dei musicisti Mally Harpaz (polistrumentista) e Alex Thomas (batteria) e alla collaborazione del tastierista Adrian Utley dei Portishead e del bassista Martyn Casey dei The Bad Seeds.

Un’opera che le è valsa una nomination ai BRIT Awards e due Mercury Prize. Nell’ultimo album “Hunter” prende vita un racconto viscerale che esplora la caduta delle leggi sul conformismo: “Penso che se ci fosse consentito essere da qualche parte nel mezzo, non spinti verso gli estremi della femminilità e della mascolinità, saremmo più vicini alla libertà. – sostiene Anna – Voglio scoprire com’è essere qualcosa d’altro, qualcosa che sia diverso da ciò a cui sono stata attribuita”.

La manifestazione dopo tre anni di attesa è riuscita a invitare Anna Calvi sul palco di Suoni di Marca Festival, nonostante le poche date italiane programmate dall’artista inglese, regalando ai propri affezionati magie sonore uniche.
Accoglienza calorosa anche per il cantautore di casa, Giulio Casale che dedica al pubblico trevigiano grandi successi come “Orgogliosamente dalla parte del torto”, “Inexorable” e “Vieni”.

“Questo è il nostro omaggio per quella band che esattamente 20 anni fa scrisse e realizzò un album che si chiamava Nordest Cowboys” questa la speciale dedica dell’artista al suo storico gruppo, gli Estra, che per anni lo ha accompagnato nel panorama della musica rock-alternative italiana.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*