Veneto

Fronte temporalesco esteso attraversa il Veneto: numerosi alberi abbattuti, ecco il nostro riassunto

Nelle ultime ore sono transitati finora più fronti temporaleschi con i primi assaggi ieri sera.
Poi l’energia è aumentata in occasione dei temporali avvenuti nelle prime ore di stamani.
Nel corso della mattinata si sono susseguiti fenomeni limitati sino al passaggio avvenuto sul Veneto tra le 11 e le 13 di un esteso fronte temporalesco che si è alimentato nelle acque calde del Tirreno in spostamento verso Nord/Est, accompagnato da venti molto forti.

La sua furia si è abbattuta sulle coste toscane e poi è proseguito valicando l’Appennino e raggiungendo la pianura Padana.
I Vigili del fuoco segnalano oltre 200 chiamate dalle provincie di Venezia, Treviso, Belluno, Verona soprattutto per alberi abbattuti dal forte vento.
Il passaggio perturbato è stato contrassegnato da violenti nubifragi e forti raffiche di vento lineare.

il fronte freddo in arrivo: alle ore 12 e poi alle ore 14:00

Nel veneziano i primi danni nel basso polesine, particolarmente colpita Chioggia dove ci sono stati alcuni feriti a causa delle schegge di vetro rotte dal forte vento.

A farne le spese anche il traffico ferroviario sulla linea Venezia-Trieste, dove a causa delle avverse condizioni meteo, numerosi gli alberi abbattuti e finiti sui binari. Il traffico dalle 13:10 è rallentato tra San Donà di Piave e Quarto D’Altino. Sono in corso interventi da parte delle squadre di RFI.

Oltre a Chioggia, colpito il Miranese e il litorale veneziano con danni a lettini e ombrelloni nelle spiagge di Jesolo, Eraclea, Caorle.

mercato settimanale di Chioggia

Segnalazioni del forte vento anche nell’entroterra, Qui siamo ad Oderzo dove diversi alberi sono stati abbattuti.
Tra i primi a giungere sul posto le pattuglie della Polizia Locale messe in allerta dal Comandante Andrea Marchesin sulla base del bollettino meteo diramato della Regione.
Danni da alberi caduti sono segnalati nella frazione di Piavon, in particolare via Ronche è interdetta al traffico in attesa dell’intervento dei Vigili del Fuoco.
Alberi e rami caduti anche nelle vie del centro di Oderzo, via Verdi, via Mattei e p.zza G. Roma.

Dalla mezzanotte sino alle 14:00, i quantitativi maggiori di pioggia si sono depositati sulla parte ovest del Veneto, 30/40 mm sono caduti sulla fascia pedemontana e ancora una volta la parte orientale della regione è quella che ha ricevuto un minor contributo di acqua.

L’instabilità avrà una successiva estensione e si chiuderà nel corso della notte con un nucleo depressionario freddo che traslerà verso sud-est; sul Veneto si avranno ancora condizioni di tempo instabile con rovesci e temporali da sparsi a locali, in diradamento domani nel corso del pomeriggio/sera fino ad esaurimento entro fine giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button