Friuli Venezia Giulia

Fronte freddo imbianca la pedemontana. Grandine nell’udiense

Avevamo già preannunciato un veloce passaggio di un fronte freddo nella giornata odierna.
Il fronte temporalesco di fine febbraio ha sorpreso molte persone perché accompagnato da lampi e tuoni.
Lungo la fascia pedemontana veneta ci sono stati forti rovesci con chicchi di grandine che sembravano neve.

il fronte freddo con fulminazioni fotografato alle ore 13

Veri e propri chicchi hanno invece interessato l’alta pianura friulana attraversata da Spilimbergo, Udine ed è poi sconfinata in Slovenia.
Il fenomeno è stato causato dall’aria decisamente fredda in quota in contrasto con l’aria più calda preesistente ed ha formato una linea temporalesca piuttosto intensa che ha portato anche neve fino a bassa quota sui nostri monti.
Le postazioni meteo hanno registrato oltre 4mila le fulminazioni.
Danni si sono registrati alle coltivazioni e alle auto causa la grandine in particolare nell’udinese.

In serata è previsto un brusco calo delle temperature.
Tra sabato e domenica i meteorologi annunciano il transito di una nuova ma più intensa perturbazione al Nord.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button