Veneto

Frode nel commercio di gasolio/Nove indagati e sequestrati beni per oltre 2 milioni di euro

Dopo una complessa indagine di Polizia Economico-Finanziaria, le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Rovigo, coordinate dal Sostituto Procuratore Andrea Bigiarini della locale Procura della Repubblica, hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo di disponibilità finanziarie, immobiliari, autoveicoli e quote sociali, per un valore di 2.145.000 Euro.

Il provvedimento è stato emanato dal Gip nei confronti di una società di capitali a responsabilità limitata polesana, operante nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti petroliferi e lubrificanti a uso autotrazione e riscaldamento, che avrebbe consapevolmente annotato in contabilità e fatto confluire nelle dichiarazioni Iva, per il periodo 2017-19, elementi passivi fittizi documentati da fatture per operazioni soggettivamente inesistenti, emesse da entità societarie “cartiere” e/o “filtro”, con sedi sparse sull’intero territorio nazionale.

Le indagini hanno infatti consentito di acclarare come le fatture siano state emesse da società ubicate sul territorio nazionale (Milano, Roma, Napoli e provincia di Verona), molte delle quali già sottoposte a indagini dalla Finanza, nonché amministrate da soggetti prestanome, pluripregiudicati anche con precedenti specifici per reati connessi all’emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

Complessivamente sono stati 9 i soggetti segnalati alla locale Procura della Repubblica per emissione e utilizzo delle false fatture.

I prodotti petroliferi acquistati dalla società polesana (perlopiù gasolio per autotrazione), di provenienza comunitaria, mediante l’evasione dell’imposta sul valore aggiunto dovuta a monte, attuata dagli organizzatori della frode attraverso il meccanismo dell’interposizione nella filiera di approvvigionamento di soggetti con funzioni di “cartiera” e/o “filtro”, venivano introdotti in territorio nazionale a prezzi sensibilmente inferiori a quelli di mercato, con conseguente alterazione della libera concorrenza.

Il sistema sortiva così il duplice effetto di evadere l’imposta sul valore aggiunto dovuta nel commercio dei carburanti e di ottenere maggiore competitività sul mercato in danno degli operatori onesti del settore.
Le fatturazioni false accertate sono risultate essere pari a circa 10 milioni di Euro, a cui corrisponde un’IVA indebitamente detratta pari a oltre 2 milioni di Euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button