Treviso

Finanziati in Veneto grazie al Fondo Garanzia oltre 15 miliardi. Quasi 3 miliardi alle imprese della Marca

Oltre 27 mila operazioni in provincia di Treviso pervenute al Fondo di Garanzia al 25 gennaio 2021.
In totale sono stati finanziati quasi tre miliardi di euro, con un importo medio di 108 mila euro per azienda.

In Veneto, l’importo totale finanziato è stato di quasi 15 miliardi e 300 milioni di euro, di fatto il valore di una “manovra finanziaria”.

Per importo finanziato, Treviso si colloca al terzo posto dopo Padova e Vicenza ed è addirittura seconda per importo medio finanziato dopo Vicenza.
Infatti, le richieste di finanziamento fino a 30 mila euro sono state relativamente poche, 167 ogni mille imprese, dato che colloca la Marca Trevigiana sotto la media nazionale di 176 imprese (meno 5%).

Da notare l’accelerazione registrata nell’anno: rispetto ai 331,6 milioni di euro di importi totali di maggio 2020, la variazione a gennaio 2021 è stata di più 787,1 milioni di euro, raggiungendo il totale di 2.941,8 milioni di euro.
Dati che descrivono quanto abbia inciso la seconda ondata autunnale della pandemia Covid-19.

Nello stesso periodo, si sono ulteriormente ridotte del 5% le operazioni con importi fino a 30 mila euro, segnale che conferma come per resistere alla crisi siano necessari finanziamenti più consistenti.

Tendenza speculare anche per il Veneto, che risulta al 10° posto come numero di operazioni di piccolo taglio (quelle garantite al 100%), ma al secondo posto come totale dell’importo finanziato, dietro solo alla Lombardia.

«Numeri che dimostrano» spiega Vendemiano Sartor, presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, «come siano stati messi in campo strumenti di portata straordinaria per consentire l’accesso ai finanziamenti a sostegno della liquidità delle imprese.
Dobbiamo però essere consapevoli dell’esposizione debitoria che porterà, in taluni casi, alla saturazione della capacità di restituzione.
Nei 2021 per molte imprese sarà quindi molto difficile accedere a nuove risorse».

Di fronte a questo grido l’allarme, Confartigianato propone un intervento sul processo di valutazione del merito creditizio delle imprese che tenga conto dell’effetto Covid-19 sui bilanci relativi al 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button