Venezia

Favaro – Dese/La passerella ciclopedonale sarà pronta entro fine mese

Posati tra la notte e questa mattina i giunti della passerella ciclopedonale sulla Sp 40 via Altinia all’altezza del fiume Dese in Comune di Venezia. Sarà pronta a fine mese.

Passerella ciclopedonale pronta entro fine mese, collegamento tra Favaro, Dese e il sottopasso della Bretella di Tessera diventano realtà.
La Città metropolitana tra la notte scorsa e questa mattina ha iniziato la posa dei giunti di sostegno della passerella ciclopedonale nel tratto della Sp 40 via Altinia che rappresenta per il completamento del secondo stralcio di intervento già avviato nel 2020 che ha visto la realizzazione di 700 metri di percorso ciclabile fino alla rotonda della Bretella.

Si tratta di una struttura in acciaio per una lunghezza di circa 25 metri e una larghezza di 3 metri con un parapetto realizzato mediante un carter in acciaio verniciato tipo Corten illuminata da luci a led.
Questa mattina a Dese per un sopralluogo era presente anche il Sindaco metropolitano Luigi Brugnaro assieme ai dirigenti e ai tecnici della Città metropolitana.

L’investimento complessivo dell’opera è di 600 mila euro, suddiviso in due stralci da 300 mila euro, e porta a compimento una promessa che il Sindaco del Comune di Venezia e della Città metropolitana Luigi Brugnaro fece il 13 maggio del 2019 ai cittadini di Favaro e di Dese all’inaugurazione del tratto di 2,5 km di pista ciclabile che ha consentito di unire il lato ovest di via Altinia fino alla chiesa di Dese.

Il cantiere, ora, proseguirà secondo un cronoprogramma che prevede nelle prossime quattro settimane il completamento della struttura della passerella (getto soletta e realizzazione parapetti), che verrà poi collegata ai percorsi ciclabili esistenti e quindi si concluderà con l’ illuminazione e la segnaletica definitiva.

L’intervento mette definitivamente in sicurezza il percorso ciclabile lungo la Strada Provinciale 40 via Altinia rispondendo non solo alle tante richieste dei residenti ma anche e soprattutto tenendo fede a quelle che sono le linee guida del Piano Strategico della Città metropolitana in cui si auspica la realizzazione di nuove opere che favoriscano al massimo la mobilità sostenibile e in condizioni di sicurezza.

L’idea di collegare più aree possibili del territorio metropolitano con percorsi ciclopedonali è, inoltre, uno degli obiettivi dell’amministrazione Brugnaro per rendere sempre più interconnessi i territori e facilitare gli spostamenti tra un comune e l’altro valorizzando così percorsi naturalistici presenti.
La Città metropolitana conta 1153 chilometri di percorsi collegati tra loro nei 44 comuni del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button