Home -> Pordenone -> Fallimento Safop/Si cerca di ricollocare i 76 dipendenti

Fallimento Safop/Si cerca di ricollocare i 76 dipendenti

E’ stato approvato oggi a Trieste dalla Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta dell’assessore al Lavoro Alessia Rosolen, lo schema di Protocollo d’intesa finalizzato a favorire la ricollocazione dei lavoratori della Safop, azienda con 76 dipendenti dichiarata fallita due settimane fa dal Tribunale di Pordenone.

L’accordo, oltre all’Amministrazione regionale e al curatore fallimentare, prevede il coinvolgimento dell’Unione industriali di Pordenone e delle rappresentanze sindacali.

A fronte della cessazione dell’attività produttiva l’Amministrazione regionale ha preso atto della disponibilità del curatore ad avviare per lo stabilimento di Pordenone la richiesta di trattamento di Cassa integrazione guadagni straordinaria
(Cigs) per 12 mesi al fine di attuare un piano delle eccedenze occupazionali.

In quest’ottica la Regione è pronta ad accompagnare il procedimento di concessione della Cigs concordando specifiche azioni in materia di politiche attive del lavoro. A ciò si unisce la disponibilità dell’Unione degli industriali di Pordenone a favorire la creazione di nuove opportunità occupazionali unitamente all’interesse delle organizzazioni sindacali a collaborare nella progettazione e nell’attuazione delle misure individuate.

Nel dettaglio l’Amministrazione regionale metterà in atto un programma di colloqui di orientamento personalizzati e di percorsi formativi finalizzati alla ricollocazione, tenuto conto anche dei fabbisogni dell’eventuale soggetto acquirente della Safop.

Da parte loro l’Unione industriali e i sindacati accompagneranno e supporteranno i percorsi di politica attiva.

Come ha dichiarato l’assessore Rosolen, oltre al percorso relativo all’eventuale acquisizione aziendale, le caratteristiche produttive del territorio pordenonese, considerati i nuovi investimenti nella logistica e nell’intermodalità legati al traffico ferroviario, potrebbero offrire a dei profili specializzati, come quelli dei lavoratori della Safop, delle opportunità occupazionali importanti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*