Home -> Prendi nota -> Eugenio Miozzi/L’Ingegnere del ‘900 a Venezia
1933 Cantiere Ponte Accademia - Archivio Giacomelli

Eugenio Miozzi/L’Ingegnere del ‘900 a Venezia

L’Ordine, la Fondazione e il Collegio degli Ingegneri della Provincia di Venezia, in collaborazione con l’Ateneo Veneto, tributano omaggio alla memoria dell’ing. Eugenio Miozzi nel 40^ anniversario della sua scomparsa. L’evento, in programma venerdì 29 novembre nell’Aula Magna di Campo San Fantin dalle ore 15:15, sarà moderato dallo scrittore e giornalista Alberto Toso Fei.

Interventi di apertura a cura di Mariano Carraro e Maurizio Pozzato, rispettivamente presidenti dell’Ordine e Collegio Ingegneri Venezia, di Gianpaolo Scarante, presidente dell’Ateneo Veneto e il saluto istituzionale di un rappresentante della Città di Venezia. Nel primo approfondimento il nipote Davide Croff ricorderà “Mio nonno: l’Ingegnere delle grandi visioni”, seguirà Marco Baldin, del Collegio Ingegneri Venezia sul tema “Eugenio Miozzi: la vita e le opere”.

1932 Costruzione nuovo ponte sul Rio Nuovo – Archivio Giacomelli

Poi la proiezione del video “Il genio dei ponti” curato dal regista Tiziano Biasioli di Belle Epoque Film, ma anche filmati storici di repertorio dell’Istituto Luce e la relazione di Gianluca Pasqualon, dell’Ordine Ingegneri Venezia su “Eugenio Miozzi: il coraggio delle scelte innovative”.

Guido Zucconi dello IUAV parlerà di “Eugenio Miozzi, architetto della Grande Venezia” assieme a Clemens F. Kusch professionista, su “La Venezia di Eugenio Miozzi”. Il seminario terminerà con una tavola rotonda con il filosofo Massimo Cacciari, il vicepresidente Consiglio Nazionale Ingegneri Gianni Massa, Maura Manzelle docente IUAV e professionista e Roberto Scibilia dell’Ordine Ingegneri Venezia.

Questo evento segue l’anteprima del video “Ing. Eugenio Miozzi – Il Genio dei Ponti” che è stato proiettato lo scorso settembre alla Mostra del Cinema di Venezia.

Immagini dell’articolo dal Fondo Giacomelli – Comune di Venezia

PROFILO DELL’INGEGNERE EUGENIO MIOZZI

Ingegnere Capo Emerito del Comune di Venezia, uomo di grande cultura, tecnico innovatore e amministratore esemplare, fu lungimirante precursore di iniziative ancora attuali; con le sue opere diede lustro alla città adottiva. Bresciano di nascita, dopo la laurea in ingegneria civile, conseguita con lode a Bologna, si formò nei ranghi dell’amministrazione dello stato, dapprima nel Corpo Reale del Genio Civile e in seguito nella neonata Azienda Autonoma delle Strade Statali; inizialmente operò in Libia e poi a Belluno, Trento e Bolzano e infine a Venezia, dove ottenne i maggiori riconoscimenti professionali e dove trascorse gli ultimi anni di vita.

Pioniere dell’impiego del calcestruzzo, contribuì a divulgare questa nuova tecnica costruttiva collaborando con Luigi Santarella e scrivendo manuali tecnici di grande successo. Contribuì allo sviluppo ed al progresso delle costruzioni stradali, guadagnandosi il prestigio di abile costruttore di ponti. Innovatore, perfezionò il metodo di autocompressione delle volte di Eugéne Freyssinet e per primo in Italia, sperimentò con successo la pretensione del ferro nelle strutture di cemento armato.

A Venezia appena quarantenne, assunse la direzione dell’ufficio tecnico comunale, che resse con grande autorevolezza e con esemplare senso del dovere per oltre 20 anni. Tra le due guerre mondiali, in un periodo politicamente difficile, seppe mediare abilmente le esigenze monumentali e retoriche del regime, con il rispetto del prezioso contesto urbano e con i valori artistici della città.

Per la città lagunare, la sua azione non fu meno importante di quella svolta da altri illustri contemporanei veneziani, Giuseppe Volpi, Achille Gaggia, Vittorio Cini, Leopoldo Toeplitz e Giancarlo Stucky; il concorso delle sue opere pubbliche fu essenziale per rompere l’isolamento della città lagunare, conferirle un ruolo di livello internazionale e favorire lo sviluppo industriale, economico e sociale. Uomo di grande cultura e sensibilità artistica, tra i mille impegni professionali, trovò il tempo di scrivere un’opera che rappresenta un pregevole omaggio letterario alla sua patria adottiva: “Venezia nei secoli”.

Lasciata l’Amministrazione Comunale per raggiunti limiti di età, non cessò tuttavia l’attività, occupandosi di studi e progetti di opere civili e di infrastrutture portuali e stradali; nuove iniziative e proposte, sempre lungimiranti e geniali, ma tali da suscitare anche discussioni e contrasti. I tempi erano cambiati, tuttavia affrontò con rinnovata passione le sfide della tutela ambientale di Venezia e della sua laguna, partecipando in modo critico e talvolta polemico, al dibattito di salvaguardia. Competente e concreto, alieno al lezioso formalismo matematico, fermo nelle proprie convinzioni, che sostenne sempre con logica rigorosa e onesta passione, fu un convinto assertore della valenza sociale della professione di ingegnere, che onorò come uomo, come professionista e come amministratore pubblico.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*