Pordenone

Essere 3.0/Incontri gratuiti per tutti su internet e tecnologie digitali

Pordenone – Prenderà il via il 2 marzo la seconda edizione del progetto “Essere 3.0”, l’iniziativa di divulgazione digitale gratuita e per tutti, nata dalla collaborazione fra il Comune di Pordenone, il Consorzio universitario e Cinemazero. L’obiettivo è sviluppare le competenze digitali presenti in città e contrastare divario che rischia di escludere le persone meno avvezze all’utilizzo delle tecnologie informatiche.

Si pensi alle numerose pratiche che sempre più spesso i cittadini devono svolgere on line anziché negli uffici, all’home banking, all’autenticazione tramite Spid, agli strumenti di collaborazione online: tutte soluzioni utili e vantaggiose, ma solo per chi possiede le capacità necessarie. Questa iniziativa di divulgazione digitale, interamente gratuita, si rivolge a tutte le persone che desiderano un aiuto per non restare escluse.

Rispetto alla prima edizione, che si è svolta a novembre e dicembre 2019, questa seconda è stata notevolmente potenziata: propone un programma ancora più ricco e differenziato, messo a punto per venire incontro alle esigenze dei cittadini in maniera più puntuale, anche grazie all’esperienza maturata.
Inoltre durerà ben 13 settimane, dal 2 marzo al 29 maggio.

Questo progetto– ha commentato il sindaco Alessandro Ciriani – fa leva sull’Università per metterla al servizio della città , ma è anche un’iniziativa di carattere sociale perché l’alfabetizzazione informatica permette a chi non conosce l’uso del digitale di accedere ai servizi informatizzati dagli
acquisti on-line alle pratiche INPS.

«Con questo progetto – ha precisato la prof.ssa Varesano – un insegnamento universitario dedicato al tessuto sociale e alle sue trasformazioni digitali si mette al servizio del territorio con proposte che fanno dialogare i giovani professionisti con i cittadini. Anche nel 2020 il laboratorio che ogni anno
organizziamo nell’ambito del nostro corso di laurea sarà dedicato alla città e vedremo quindi quali saranno le nuove proposte che emergeranno per il 2020/2021».

Approfondimenti di carattere tecnico ed operativo e di altre finalità di Essere 3.0 sono stati illustrati dal direttore del Consorzio Universitario di Pordenone ing. Andrea Zanni e da Elena D’Incà referente per la mediateca di Cinemazero.

COME, DOVE E QUANDO
Come nella prima edizione, saranno gli studenti universitari in prima persona a fornire il supporto ai cittadini, secondo due modalità: incontri di gruppo e incontri individuali. A questo si aggiunge una serie di seminari con professionisti del settore dedicati ad alcuni dei temi più attuali del digitale.

Incontri in aula. Si tratta di ben 78 incontri, tutti della durata di 90 minuti, che si terranno nella sala Teresina Degan della Biblioteca civica in piazza XX Settembre. Consultando il calendario, le persone interessate potranno scegliere liberamente se partecipare a uno o più di uno di tali incontri, che sono tutti gratuiti e aperti fino a esaurimento posti.


Gli incontri in aula si suddividono in quattro tipi:
 Base, per chi sa pochissimo e desidera ricevere le informazioni essenziali per usare internet.
 Intermedi di approfondimento, per chi desidera approfondire meglio alcuni argomenti specifici, indicati nel calendario.
 Intermedi, per chi desidera conoscere meglio alcuni argomenti da concordare in aula. Questi incontri sono stati organizzati in orari che consentano di partecipare anche a chi lavora.
 Spid, per chi vuole imparare a usare il Sistema Pubblico di Identità Digitale.


Il calendario dettagliato con date, orari e sedi è consultabile nel sito www.esseretrepuntozero.it ed è disponibile anche in forma cartacea.

Incontri uno a uno. Si tratta di vere e proprie consulenze personalizzate, dedicate a chi non ha competenze informatiche ma ha la necessità di svolgere alcune operazioni online nel quotidiano.
Senz’altro un servizio di interesse per molte persone anziane, ma non solo. Questi incontri avranno la durata di 50 minuti.

Si terranno dal 2 marzo al 29 maggio, dal lunedì al venerdì, mattina e pomeriggio, sia nei locali della Mediateca di Cinemazero a Palazzo Badini (piazza Cavour), sia al Consorzio universitario (via Prasecco).
Le prenotazioni si aprono lunedì 24 febbraio.

Per prenotare un incontro telefonare al numero +39 0434 1697294 lunedì, martedì, giovedì, venerdì dalle 8:30 alle 10:30 oppure scrivere a
prenotazioni@esseretrepuntozero.it.

Non è possibile prenotare più di un incontro.
Seminari. In programma cinque incontri di due ore ciascuno (dalle 18 alle 20) con professionisti del settore che introdurranno i principali temi del digitale che avranno, o stanno già avendo, un impatto sostanziale sulla società modificando i servizi, l’economia, gli stili di vita e le nuove professioni.

Tutte le informazioni sono disponibili nel sito www.essertrepuntozerio.it e nella pagina Facebook @esseretrepuntozero. Inoltre, gli studenti saranno disponibili di persona per illustrare il progetto dal 24 al 29 febbraio nel chiosco informativo allestito in piazza Cavour.

LE NOVITÀ
Rispetto alla prima edizione, le novità sono molte. Come già evidenziato, l’offerta del programma passa da due tipologie di incontri (di gruppo e individuali) a ben sei tipologie (base, intermedi di due tipi, Spid,
individuali e seminari) con l’obiettivo di entrare in contatto con il maggior numero possibile di cittadini e rispondere anche alle necessità più di nicchia.

Gli incontri del sabato sono una sorta di osservatorio sperimentale dedicato anche ai lavoratori che dispongono di poco tempo, con il duplice obiettivo sia di raccogliere le loro necessità sia di aprire a stimoli futuri. Gli incontri dedicati allo Spid invece intendono essere un sostegno concreto ai cittadini nella difficile transizione verso i servizi digitali che talvolta celano difficoltà di utilizzo.

È stata ampliata anche l’offerta di incontri individuali, che nella prima edizione sono andati tutti esauriti e hanno registrato un gradimento altissimo. In questa edizione saranno circa 350 in totale e non dureranno
più 30 ma 50 minuti.

GLI ESITI DELLA PRIMA EDIZIONE
I dati, raccolti sia in aula che tramite questionario online e consultabili nel sito esseretrepuntozero.it/sondaggio-online, hanno confermato largamente la necessità di servizi di questo tipo. Il totale degli iscritti è stato di 156 persone in due soli mesi di cui più della metà hanno risposto attivamente al questionario on line con un 90% di gradimento. Inoltre da rilevare che ben l’80% ritiene importante questa iniziativa intrapresa del Comune per la cittadinanza.

I partecipanti del 2019 erano distribuiti tra pensionati (62%) e inoccupati o altro (25%), di sesso femminile (60%) e maschile (40%), della città di Pordenone (66%) e delle aree limitrofe (34%). La previsione – per i
3 mesi del 2020 – sono di consentire la partecipazione e circa 100 persone alla settimana per 13 settimane.


IL PROGETTO
L’iniziativa è realizzata dal Consorzio universitario con la collaborazione e il finanziamento del Comune (fondi Pisus) e la collaborazione di Cinemazero.
Il progetto Essere 3.0 nasce dall’Università di Udine (corso CMTS Comunicazione Multimediale e Tecnologie dell’informazione), precisamente all’interno del corso di Social Digital Innovation della
prof.ssa Antonella Varesano. Alla fine del corso gli studenti hanno riportato gli esiti dell’esperienza il sindaco di Pordenone, proponendo la realizzazione di un progetto che puntava a restituire al territorio le competenze degli studenti, sviluppare le competenze di base dei cittadini, fornire aiuto e superamento del divario digitale per le persone fragili.
L’Amministrazione comunale ha deciso collaborare alla realizzazione del progetto e sostenerlo economicamente, anche tramite finanziamenti Pisus nell’ambito dell’intervento denominato “Pordenone, mondo”, il cui assunto di base è che una città capace di vivere la Rete e in rete in modo maturo crea un contesto particolarmente favorevole alla moltiplicazione delle opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button