Treviso

Erminio Ferretto/A Mogliano le celebrazioni del 77° anniversario dell’uccisione del partigiano

La notte tra il 5 e il 6 febbraio di 77 anni fa Erminio Ferretto, nome di battaglia “Venexian”, veniva ucciso dalle Brigate Nere nel casolare della famiglia Pavan, a Bonisiolo, dove aveva trovato ospitalità.
Era nato a Mestre nel 1915 ed era diventato antifascista da giovanissimo, fin dagli anni Trenta.
A Mogliano Veneto, nel luogo in cui è stato eretto il cippo a lui dedicato, si è tenuta questa mattina la cerimonia di commemorazione di quell’eccidio, con i rappresentanti dei Comuni di Venezia, Mogliano e Marcon e le sezioni dell’Anpi delle tre città.
Per l’Amministrazione di Venezia è intervenuto l’assessore alla Mobilità Renato Boraso.

Presenti inoltre Giorgio Capparoni, vicesindaco di Mogliano Veneto, Luigi Bona, vicesindaco di Marcon, una rappresentanza dei ragazzi dell’istituto “Giuseppe Berto” di Mogliano e i parenti di Ferretto.
“Ringrazio i colleghi di Marcon e Mogliano, gli esponenti delle sezioni dell’Anpi, i ragazzi e i parenti di Ferretto intervenuti in questa ricorrenza”, ha detto Boraso portando i saluti dell’Amministrazione comunale.
“E un grazie sentito va al signor Severino Carraro, presente qui anche lui, che è un testimone oculare dell’uccisione di Erminio Ferretto.
Ha vissuto quei momenti e aveva solo 11 anni quando ha assistito ad una vicenda che lo ha segnato per tutta la vita”.

“Attraverso queste testimonianze siamo chiamati a ricostruire il percorso della memoria – ha proseguito Boraso – e a tal proposito pochi giorni fa, in via del Rigo 2, a Mestre, abbiamo vissuto la posa della prima pietra di inciampo sulla terraferma nel Comune di Venezia.
Proprio nel luogo in cui Vittorio Bassi il 18 dicembre 1943 è stato preso per essere deportato ad Auschwitz, dove è stato assassinato.
Occorre ricordare gli esempi di queste persone, di Erminio Ferretto e dei tanti Erminio che con il loro sacrificio, in nome delle libertà, ci permettono di vivere oggi in pace e democrazia”.

A deporre la corona sul cippo dedicato a Ferretto sono stati proprio due alunni dell’istituto “Berto”.
“Mi auguro che con l’uscita graduale da questa pandemia – ha ripreso Boraso – si possano allargare a tante scuole delle nostre città dei momenti di condivisione essenziali per non dimenticare.
È importante oggi avere qui i ragazzi del liceo ‘Berto’ che stanno facendo un importante lavoro su queste tematiche.
Anche sulle gambe dei giovani deve proseguire il cammino della memoria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button