Treviso

Dopo i furti nelle case, stava per imbarcarsi per Tirana, fermato a Treviso 23enne pregiudicato albanese

E’ stato convalidato il fermo per furto aggravato operato dai Carabinieri del Radiomobile di Treviso che domenica scorsa avevano bloccato un 23enne di nazionalità albanese che si stava imbarcando per Bruxelles, dall’Aeroporto di Treviso, tappa intermedia con destinazione finale quello di Tirana, itinerario forse scelto per eludere o in qualche modo ostacolare i controlli.

L’albanese è ritenuto gravemente indiziato per aver partecipato al furto ai danni di un’abitazione in un piccolo Comune alle porte di Treviso, dove nella prima mattinata del 23 novembre ignoti, si erano introdotti, e con un flessibile, avevano forzato una cassaforte asportando alcune decine di migliaia di Euro e numerosi monili per un valore complessivo di circa 5.000 Euro.
E’ stata una parente dei proprietari di casa, che vive nell’appartamento a fianco a dare l’allarme dopo aver sentito rumori sospetti. Aveva raggiunto l’abitazione ed aveva così costretto i malfattori a darsi alla fuga con il bottino.

Dai primi riscontri, i Carabinieri erano risaliti al giovane albanese, privo di fissa dimora e già gravato da un decreto di espulsione per una serie numerosa di precedenti contro la persona e contro il patrimonio, in prevalenza proprio furti in abitazione commessi nel nord Italia.
Sono in corso ulteriori indagini per individuare i complici e fiancheggiatori.
Il 23enne si ritrova rinchiuso nella Casa Circondariale di Treviso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button