Venezia

Dopo 2 anni di stop/A San Donà torna ‘Sport In Piazza’

San Donà di Piave – Dopo due lunghi anni di forzato stop a causa della pandemia, l’assessorato allo Sport di San Donà di Piave rilancia ‘Sport In Piazza’.
La manifestazione che per un intero mese, da sabato 4 giugno a sabato 2 luglio, occuperà Piazza Indipendenza e gli spazi adiacenti coinvolgendo tutte le associazioni sportive cittadine, le sue centinaia di atleti, dai più piccoli ai più grandi, che si cimenteranno in tutte le discipline, dalle più note a quelle di nicchia.
Ci saranno più spazi, più eventi, più campi e una importante novità: largo spazio all’inclusione.

«È il simbolo della ripartenza per l’intera città ma vuole anche sottolineare un messaggio importante: lo sport e gli sportivi non si sono mai arresi, nonostante questi due anni durissimi che hanno messo alla prova tutte le società sportive – dichiara l’assessore allo sport Stefano Serafin che ha coinvolto tutte le realtà sportive del territorio – e ‘Sport in Piazza’, avvicinando ancora di più la città alle sue eccellenze sportive, vuole riprendere quel dialogo che abbiamo purtroppo dovuto interrompere due anni fa per il Covid.
Sebbene manchi ancora qualche mese c’è già un gran fermento da parte di tutte le realtà sandonatesi, sempre pronte a recepire novità e proposte attrattive».

Per questa seconda edizione l’impegno dell’amministrazione sarà maggiore: oltre al campo ‘multi-sport’ verrà installato anche un immenso campo in sabbia dedicato a beach volley, tennis, calcio e rugby.
La novità ricoprirà completamente la piazza centrale con due settori aperti ininterrottamente dalle 17 alle 23, tutti i giorni della settimana.

«’Sport in Piazza’ non sarà però solo e soltanto sport h24 – continua l’assessore Stefano Serafin –perché abbiamo voluto fare di questo mese anche un reale momento di inclusione dando spazio anche ad attività particolari, speciali, e di grande impatto sociale che sono certo richiameranno l’attenzione di tutte quelle realtà economiche del territorio che sono sensibili ai valori trasmessi dallo sport e attente al particolare momento di ripartenza che stiamo vivendo».

«Sono felice che si possa tornare a fare questo grande evento estivo, perché recuperiamo un grande momento di coesione sociale della città, ma lo sono soprattutto per i giovani e tutte le associazioni sportive che hanno saputo fare davvero un gran lavoro durante la pandemia, dimostrando come lo sport sia un autentico momento di aggregazione – aggiunge il sindaco Andrea Cereser – Un lavoro prezioso il loro, a volte poco visibile, ma sempre appassionato e di cui tutta la città deve essere orgogliosa e grata.
Un patrimonio da non disperdere ed è un giusto riconoscimento che ora la vetrina più bella di San Donà per un mese sia tutta loro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button