Home -> Pordenone -> Donazioni/700 mascherine cucite per beneficenza
la donazione

Donazioni/700 mascherine cucite per beneficenza

In questi difficili mesi, l’attenzione è stata riposta tutta sul Coronavirus e così altri temi sono passati in secondo, terzo piano e non hanno avuto la risonanza mediatica dovuta, anche se le situazioni erano altrettanto drammatiche.
Uno di questi è certamente la violenza di genere.

Ma ci sono persone che non l’hanno dimenticato; Cristina Gattel e sua sorella Liviana con la loro mamma, durante il lockdown, per beneficienza hanno cucito circa 700 mascherine anti covid.

Il ricavato è stato devoluto a due sodalizi: l’Associazione Amici di Sara- Farfajla e l’Associazione In Prima Persona – uomini contro la violenza sulle donne.

Sabato scorso consegnando la somma al presidente della Associazione Nicola Mannucci.
Cristina Gattel ha manifestato la speranza “che questo piccolo contributo possa aiutare l’attività dell’Associazione, supportare interventi di disagio, sostegno piscologico e aiuto rivolto agli uomini e ai giovani adulti che convivono con un disagio nei confronti delle donne, diventi una mano che si porge in segno di unione e non divisione”.

Il presidente Nicola Mannucci ha ringraziato per il nobile e apprezzato gesto che va al di là del valore venale poiché pone l’attenzione contemporaneamente su due drammi, uno, si spera momentaneo e risolvibile in tempi ragionevoli con un vaccino e l’altro purtroppo ancora troppo radicato nella nostra società e non così facilmente superabile.

Per gli adulti consapevoli del proprio essere, per coloro che sentono un disagio appena manifesto e che vogliono essere aiutati l’Associazione ha aperto uno sportello d’ascolto, gratuito, assolutamente discreto.
(Lo sportello ha sede alla Casa del Volontariato in via De Paoli 19 a Pordenone, raggiungibile al numero telefonico 327 3377060, attivo dalle ore 18 alle ore 21 dei giorni feriali).
Ci si può rivolgere senza paura di essere giudicati.

Inoltre, per sostenere l’Associazione, nella dichiarazione dei redditi le si può devolvere il 5×1000.
Basta indicare il codice fiscale 91093060936.

Da una indagine dello scorso maggio emergono numeri preoccupanti: tra il 1° marzo e il 16 aprile si è registrato un aumento del 73% delle telefonate di donne che chiedono aiuto, nel contempo, dal 1 al 22 marzo sono diminuite le denunce per maltrattamenti: una vittima su due teme per la propria incolumità.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*