Home -> Pordenone -> Domani al via Le Giornate della Luce
isabella rossellini

Domani al via Le Giornate della Luce

SPILIMBERGO – Inaugurazione ufficiale domani, sabato 22 agosto, per la sesta edizione del festival Le Giornate della Luce, che celebra il ruolo degli Autori della Fotografia del cinema italiano contemporaneo, ideato dall’autrice e regista Gloria De Antoni che lo dirige con Donato Guerra.

Dopo l’anteprima di venerdì con un omaggio alla regista e fotografa Cecilia Mangini, sabato 22 agosto a Spilimbergo un evento d’eccezione: alle 18 a Palazzo Tadea, intervento video realizzato in esclusiva dal festival di Isabella Rossellini “La mia famiglia fotografica”, dove l’attrice racconta i suoi rapporti e quelli dei suoi familiari con la fotografia.

Sarà poi presentata la sigla vincitrice della terza edizione del concorso internazionale “Una Sigla per il Festival Le Giornate della Luce”, realizzata da Oleg Gri. A seguire l’assegnazione del premio Controluce per i mestieri del cinema e l’artigianato della Confartigianato Imprese Pordenone a Paola D’Inzillo.

La giornata si concluderà alle 21 al Cinema Miotto con la presentazione Premio Bookciak, Azione! a cura di Gabriella Gallozzi e a seguire la proiezione del film girato in Friuli Venezia Giulia Scappo a casa (2019) di Enrico Lando con Aldo Baglio, Jacky Ido, Angela Finocchiaro e la fotografia di Massimo Schiavon. Attesa la conversazione con l’attore francese Jacky Ido – che in passato ha lavorato anche con con Quentin Tarantino in “Bastardi senza gloria”–  Enrico Lando, Massimo Schiavon, Federico Poillucci. E in videochiamata Aldo Baglio.

In mattinata alle 10 a Palazzo Tadea a Spilimbergo, il workshop – in collaborazione con Confartigianato Imprese Pordenone e CRAF – Ritratti nella Luce. Energia in Movimento, per una full immersion nella fotografia con Riccardo Ghilardi, fotografo delle star mondiali del cinema, che ha immortalato tutti i più grandi attori hollywoodiani, da Kevin Kostner a William Dafoe.

Inoltre, alle 10.30 in Sala Degan nella Biblioteca civica di Pordenone, prosegue l’omaggio a Cecilia Mangini, classe 1927, considerata una delle figure più autorevoli della storia del cinema italiano. Dopo la conversazione tra la regista ed Emanuele Bucci, la proiezione di tre suoi documentari: Ignoti in città (1958), Stendalì – Suonano ancora (1960) e La canta delle marane (1961). In collaborazione con Assessorato alla Cultura di Pordenone e Centro Studi Pier Paolo Pasolini.

Ciak, si mangia! Anche quest’anno, l’Associazione Nuovo Corso ha deciso di celebrare l’atmosfera cinematografica che si respira durante il festival con le proposte culinarie a tema filmico, per accogliere gli ospiti: quest’anno i piatti e le bevande si ispireranno alla vita e all’arte felliniana nonché alla cucina dell’Artusi. L’Associazione ha coinvolto un grande numero di esercenti nel progetto e con loro ha concordato dei piatti sull’onda del clima da Cinecittà che permea le strade di Spilimbergo, per offrire prelibatezze del territorio o appositamente pensate utilizzando i prodotti della regione, che potranno essere gustate durante il festival.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*