Home -> Prendi nota -> Dogi’s Half Marathon, il 7 aprile uno spettacolo lungo 21 km

Dogi’s Half Marathon, il 7 aprile uno spettacolo lungo 21 km

Presentazione ufficiale ieri sera dell’edizione numero 22 della Dogi’s Half Marathon, in programma domenica 7 aprile con partenza alle 9.15 dal centro di Mira (Venezia).
A poco più di una settimana dall’evento, gli iscritti hanno raggiunto quota 1.800, con 11 nazioni rappresentate (correranno atleti anche da Stati Uniti e Canada) e le adesioni continuano ad arrivare (sarà possibile iscriversi sino a poche ore dal via, senza aumento della quota d’iscrizione che rimarrà bloccata a 30 euro sino alla fine).
Organizza l’Atletica Riviera del Brenta, società tra le più attive nel panorama dell’atletica veneta, in collaborazione con il Centro Sportivo Nazionale Libertas.
Ieri sera, al Palazzo Municipale di Mira, la conferenza stampa dell’evento, con l’intervento – tra gli altri – del sindaco della città di partenza e d’arrivo, Marco Dori, dei rappresentanti delle altre amministrazioni comunali del territorio, e del presidente dell’Atletica Riviera del Brenta, Luigino Molena, che, accompagnato dai componenti del comitato organizzatore, all’inizio della conferenza stampa ha simbolicamente donato il pettorale di gara numero 1 a Michele Stellon, suo predecessore – sino alla fine del 2018 – ai vertici della società organizzatrice della Dogi’s Half Marathon.
Keniani ed etiopi saranno gli atleti da battere nella 22^ edizione della Dogi’s Half Marathon.
Il percorso della Dogi’s Half Marathon può essere considerato uno più affascinanti d’Italia.
Lungo i 21 chilometri di gara gli atleti potranno ammirare ben 19 ville venete, a partire dalla celebre Villa Pisani di Stra.
Dopo aver lasciato Mira, il percorso di gara – una sorta di elisse – si svilupperà in senso antiorario, toccando anche Dolo, Fiesso d’Artico e Stra.
La particolarità della Dogi’s Half Marathon risiede nel fatto che il tracciato, ad ogni edizione, ruota partenza e arrivo tra i principali centri della Riviera del Brenta, offrendo agli atleti la sensazione di correre su un percorso sempre nuovo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*