Uncategorized

Devono scontare la pena in carcere per vari reati, 6 persone rintracciate e arrestati dai Carabinieri di Treviso

Era stato arrestato nel settembre scorso, dei reati di rapina aggravata, minaccia aggravata e molestie continuate, commessi a Quinto di Treviso, ma nelle scorse ore un 32enne di origini marocchine, è stato destinatario di un ulteriore provvedimento restrittivo che sostituisce i domiciliari con il carcere. L’aggravamento della misura cautelare perché il 32enne ha abbandonato i domiciliari per andare in un supermercato dove ha portato via dei generi alimentari senza pagare il contro.

I Carabinieri di Mogliano Veneto hanno condotto in carcere un 34enne della Nuova Guinea per un residuo di pena per un reato commesso nel 2018 a Treviso e un 32enne di origini rumene rintracciato nell’hinterland di Treviso sul quale pendeva un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Lamezia Terme. Deve scontare 4 anni e 2 mesi per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio commesso nel luglio del 2021.

I Carabinieri della Stazione di Susegana hanno dato esecuzione a un ordine di carcerazione emesso a carico di un 26enne di origini rumene, già noto alle Forze dell’Ordine, che doveva scontare quasi 4 mesi di reclusione per un furto in danno di autovettura in sosta commesso il settembre dello scorso anno proprio nel comune di Susegana, nei pressi di un centro commerciale.
L’arrestato è stato condotto presso il carcere di Treviso.

E’ stato, altresì, arrestato nelle ore scorse dai Carabinieri di Vittorio Veneto, su ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Treviso, un 65enne che doveva scontare un residuo pena detentiva di 2 mesi per il reato di peculato commesso una decina d’anni fa in Treviso.

Infine, i militari dell’Arma di Castelfranco Veneto hanno dato esecuzione a un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Padova nei confronti di un 50enne montebellunese a seguito di condanna a 7 mesi di reclusione per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale commesso in Padova nel settembre del 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button