Treviso

Detassazione degli straordinari e riduzione del cuneo fiscale e contributivo, Cna raccoglie l’invito di Filcams-Cgil

Treviso – «Defiscalizzazioni e decontribuzioni sono la strada per alzare il netto in busta paga, tutelare i lavoratori sul fronte contributivo, avere la disponibilità di collaboratori per le aziende e combattere il lavoro sommerso.
Questo vale sia per il settore della ristorazione che per altri comparti.
E poi c’è la detassazione degli straordinari.
Ora gli straordinari sono iper-tassati e al lavoratore non conviene farli pur a fronte di un bisogno dell’azienda; è opportuno detassarli per favorirne lo svolgimento e l’eventuale emersione».

Lo afferma Enrico Foffani, responsabile Area Sviluppo Mestieri di CNA territoriale di Treviso intervenendo sul problema sollevato dalla Filcams-Cgil.

«Ha fatto bene il segretario Alberto Irone a porre il problema degli stipendi di cuochi e camerieri per rispondere alla penuria di personale nella ristorazione e al dramma del lavoro sommerso.
Raccogliamo il suo invito al confronto a livello locale per poter spingere nella direzione desiderata le parti sociali e il legislatore nelle prossime discussioni sul settore del commercio e dei servizi – continua Foffani.

L’aspetto fondamentale su cui intervenire è, come si è detto, la riduzione del cuneo fiscale e contributivo.
Un lavoratore inquadrato al quinto livello del commercio, il più basso tra i lavoratori qualificati, ha uno stipendio mensile lordo di 1.444 euro per circa 1.100 euro di stipendio netto, ma all’azienda costa mensilmente ben 2.323 euro! La strada è quindi quella di ridurre il divario tra costo aziendale e netto percepito dal lavoratore».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button