Venezia

Demenza/Lunedì 21.2 il primo incontro gratuito della Francescon

A sostenere l’iniziativa, che riparte dopo la sospensione dell’anno scorso dovuta al Covid, anche Confcommercio e Lions di Portogruaro

Lunedì 21 febbraio, dalle 16.30 alle 18, riparte “Cafè Alzheimer”, iniziativa sul tema della demenza dedicata a tutte le famiglie del Veneto Orientale. L’appuntamento, da remoto, è dalle 16.30 alle 18. Quest’anno, data l’importanza del tema, il progetto è supportato economicamente anche da Lions e Confcommercio.

A inaugurare il ciclo di incontri, che prevede una data al mese fino a gennaio 2023, sarà il dottor Luca Valentinis, direttore delle unità Neurologia e Stroke Unit dell’Ulss4. Si parlerà dell’inquadramento clinico della patologia.

Nel corso dell’anno si tratteranno temi come quelli legati a dinamiche familiari, stress del caregiver, disturbi del comportamento e della comunicazione. Senza dimenticare la terapia non farmacologica, la stimolazione cognitiva e sensoriale a casa e la figura dell’amministratore di sostegno. La prossima data è quella di lunedì 21 marzo.

«Abbiamo voluto contribuire all’iniziativa», dice il presidente di Confcommercio Portogruaro, Francesco Fratto, «perchè sensibili a un tema fondamentale come quello della demenza. La Francescon, da anni, organizza appuntamenti che per la popolazione di tutto il Veneto Orientale sono importanti e attesi. Soprattutto in questo momento difficile non dobbiamo dimenticarci di chi ha bisogno di un supporto, anche solo da un punto di vista informativo».


«L’Alzheimer», aggiunge il presidente del Lions Club di Portogruaro, Gianni Dovier, «è oggi una patologia la cui diffusione è in aumento, non solo, è anche diminuita l’età delle persone colpite, conseguentemente è aumentato l’impatto sociale. Il Lions Club di Portogruaro, da sempre attento alle tematiche del territorio e non solo, non ha esitato ad associarsi a tale nobile iniziativa».

IL DATO.

La demenza colpisce in Veneto il 5,5% degli over 65 anni ed aumenta al 20% nella popolazione over 80. Il dato si rispecchia anche nella popolazione residente nell’Ulss4.

CHE COS’E’ IL CAFE’ ALZHEIMER.

Il “Cafè Alzheimer” è uno spazio in cui le famiglie possono incontrarsi e confrontarsi su temi legati alla gestione della malattia, trascorrendo alcune ore in un’atmosfera confortevole e centrata sull’ascolto e la condivisione del fenomeno. Al momento si parte da remoto e nel corso dei mesi, pandemia permettendo, si potrà anche tornare in presenza.

COME SI SVOLGE L’INIZIATIVA CHE RIGUARDA I 22 COMUNI.

Ogni incontro prevede una parte informativa condotta da un professionista, a cui seguirà un momento di confronto interattivo.
La modalità di svolgimento di ogni appuntamento, a cadenza mensile, sarà sulla piattaforma meet da remoto, seguendo le indicazioni che l’utenza potrà ricevere scrivendo all’indirizzo mail psicologia@residenzafrancescon.it
Qualora, in accordo con le restrizioni anti-Covid, diverrà possibile incontrarsi in presenza, gli organizzatori forniranno apposita comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button