Veneto

Crisi Safilo/C’è l’accordo per Longarone

I lavoratori hanno detto Si all’intesa raggiunta da azienda e sindacati sul futuro dello stabilimento di Longarone della Safilo.
Una realtà che conta 860 dipendenti, 400 dei quali dichiarati recentemente esuberi dall’azienda.

L’accordo contempla sia strumenti di difesa dell’occupazione che incentivi all’esodo volontario.
Tradotto, significa: contratti di solidarietà per un anno e rinnovabili o incentivi che possono arrivare fino ad un anno di stipendio.

L’assessore regionale al Lavoro commenta il voto favorevole espresso a larga maggioranza dai dipendenti di Longarone sull’accordo per il futuro dello stabilimento Safilo.

“Prendiamo atto positivamente – dichiara l’assessore regionale – dell’accordo raggiunto tra le organizzazioni sindacali territoriali di Belluno e l’azienda in merito al sito produttivo di Longarone, grazie anche all’accompagnamento offerto dall’Unità di Crisi aziendale della Regione Veneto. Voglio sottolineare, in particolare, il senso di responsabilità di cui tutte le parti in causa hanno dato prova, nel confronto e nel raggiungimento di una condivisione di strumenti e di iniziative per una prima gestione di questa fase di criticità aziendale, con gli obiettivi della tutela dell’occupazione e della salvaguardia della realtà produttiva dell’area bellunese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button