Venezia

Covid nel Veneto orientale: trend contagi in aumento – I dati comune per comune

Contagi Covid nel Veneto Orientale.
Oggi sono complessivamente 798 le persone positive al Covid19 nel territorio dell’Ulss4, che equivalgono allo 0,3% della popolazione del Veneto orientale ed il 96% è asintomatico.

La loro distribuzione per comune: Annone Veneto 20; Caorle 39; Cavallino Treporti 73; Ceggia 15; Cinto Caomaggiore 10; Concordia Sagittaria 18; Eraclea 51; Fossalta di Piave 16; Fossalta di Portogruaro 8; Gruaro 3; Jesolo 103; Meolo 31; Musile di Piave 41; Noventa di Piave 22; Portogruaro 51; Pramaggiore 28; San Donà di Piave 145; San Michele al Tagliamento 15; San Stino di Livenza 62; Torre di Mosto 38.

Sono positive altre 9 persone residenti in questo territorio ma domiciliate a Bassano del Grappa, Motta di Livenza, Teglio Veneto, Udine e Venezia.
Sul fronte scuole, al 3 novembre il numero complessivo dei casi indice (contagiati) è 73, questi hanno generato 2255 tamponi a studenti e personale scolastico, coinvolgendo 20 istituti e 70 classi.

Ricoveri.
Nella mattinata odierna sono 29 le persone ricoverate nel reparto malattie infettive al covid-hospital di Jesolo; le persone in terapia intensiva 3, di cui una all’ospedale di San Donà, 1 all’ospedale di Portogruaro e 1 al covid hospital proveniente dall’ospedale di Dolo.
Alla Casa di Cura Rizzola sono attualmente 3 i pazienti covid-positivi e 5 i ricoverati alla Casa di Riposo Stella Marina.

Azzerati i contagi nelle case di riposo.
“Un dato molto positivo – ha spiegato il direttore dei servizi sociosanitari dell’Ulss4, Mauro Filippi – arriva dalle case di riposo dove l’unico positivo si è negativizzato.
Tra i 1200 ospiti di queste strutture ad oggi non c’è quindi nessun contagio”.
Lo stesso vale anche per i centri diurni per disabili.

“Molte persone sono scettiche nell’affidare il proprio familiare a queste strutture perché temono il contagio – ha continuato Filippi.
Ribadisco che queste strutture sono ben gestite e l’Ulss4 fornisce tutto il supporto possibile affinché tutto proceda al meglio. I risultati si vedono anche dall’assenza dei contagi”.
Le case di risposo del Veneto orientale continuano ad accogliere ospiti e anche le visite dei familiari restano consentite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button