Veneto

Covid/Le regole per chi rientra dall’estero

Sono un centinaio solo nell’area di competenza della Ulss1 Dolomiti, le persone poste in quarantena perchè rientrate da paesi extra area Schengen.
I più numerosi sono gli albanesi (23) e i rientranti dall’Ucraina (10).
Ci sono soggetti tornati da zone particolarmente calde: 6 dalla temuta Serbia, 4 dal Brasile campine di contagi e altrettanti anche dai non meno esposti Stati Uniti.
Sei sono tornati dalla Macedonia, 5 dalla Moldavia e altrettanti dalla Cina.

La Ulss1 ha un numero dedicato per la presa in carico i rientri dall’estero: 0437/51 43 43 attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20.

Queste le norme attuali per chi rientra in Italia dall’estero:

• Per i Paesi Extra Shengen: è prevista la quarantena di 14 giorni. Il Dipartimento provvede ad organizzare 2 tamponi: uno al momento della presa in carico (denuncia obbligatoria da parte delle persone fisiche al SISP) e uno al termine della quarantena.

• Per i Paesi Europei e quelli inclusi nell’accordo di Shengen: non è prevista la quarantena, ma in caso di contatto volontario da parte del cittadino che rientra in Italia viene proposta l’effettuazione del tampone al momento del rientro e il successivo automonitoraggio. In caso di comparsa di sintomi è l’interessato che viene istruito sull’attivazione al MMG e/o al SISP.

• Attualmente per 13 Paesi + 3 (Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia-Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana; Montenegro, Kosovo, Serbia) è fatto divieto di ingresso nel territorio italiano, esclusi i cittadini italiani e i viaggiatori per motivi di lavoro. A queste categorie di persone vengono attivati i tamponi e la quarantena, se dovuta.

Per le badanti che rientrano in Italia viene organizzato il tampone e la quarantena se provengono dai Paesi extra Shengen.

Per i viaggiatori verso i Paesi extra Shengen il cui motivo del viaggio sia, in via esclusiva e per tutta la durata del viaggio, lavorativo, viene organizzato un tampone al cui esito, se negativo, rientrano al lavoro con DPI. Dopo 5/7 giorni il tampone viene ripetuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button