Veneto

Covid in Veneto/Entro venerdì esaurita la prima ondata di vaccinazioni

Vaccinazione, scuola e i dati quotidiani: questi gli argomenti di oggi per il punto stampa quotidiano da Marghera del Presidente della Regione Luca Zaia.
Per il primo argomento, il Governatore ha spiegato che le prime tre categorie (dopo quelle in corso di vaccinazione in questi giorni) saranno sostanzialmente legate all’età e verranno avvisate attraverso l’invio di una lettera.

Si comincerà con chi ha più di 80 anni, poi a scendere: 79/70; 69/60 (oltre un milione di persone in queste 3 fasce) più chi presenta patologie che rappresentino un rischio se combinate al covid.

Per gli anziani che vi abbiano necessità, la vaccinazione sarà domiciliare, non dovranno cioè recarsi in alcun posto ma verranno raggiunti nella loro residenza.
Altre categorie all’attenzione della Sanità regionale saranno i lavoratori della scuola, le Forze dell’Ordine e i farmacisti.

Tempi e modi sono ovviamente legati al flusso di approvvigionamento.
Ad oggi sono già stati vaccinati ogni 23 mila soggetti e la Regione prevede di esaurire i vaccini disponibili entro venerdì in mattinata.

La questione scuola.
Com’è noto, Veneto e Fvg non riapriranno le scuole l’11 prossimo, preferendo attendere l’intero mese, per le Superiori che dunque proseguiranno con la Dad.
Zaia ha motivato questa scelta affermando che i ragazzi sono diffusori asintomatici del virus e dunque il rischio che lo diffondano inconsciamente è evidente e consistente.

Per quanto riguarda l’immediato futuro, Zaia ha aggiunto di non sapere ancora cosa attenda il Veneto, se la zona arancione o rossa: nemmeno il Ministro Speranza sentito stamani ha potuto ancora dare indicazioni in merito.

Ed ora il consueto, triste resoconto delle ultime 24 ore.
Particolarmente pesante la conta dei morti: 175, mentre scendono le Terapie Intensive, 391 (-9), mentre in area non critica si trovano 3.066 persone, contro le 3.059 di ieri.
Tamponi: i molecolari sono ad oggi 3.374.000, i test rapidi si avvicinano sempre più ai 2 milioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button