Pordenone

Covid in Fvg/Di Roveredo, Travesio e Sesto al Reghena le vittime pordenonesi di oggi

Trieste, 23 nov – Nel dettaglio dei dati odierni sul Covid-19 in Friuli Venezia Giulia, i ventisette decessi.
Sono due uomini ed una donna, i tre pordenonesi che oggi non hanno superato la malattia.
Tutti e tre sono spirati in Ospedale: un 75enne di Roveredo in Piano, un 93enne di Travesio ed una donna di 80 anni di Sesto al Reghena.

A Moggio udinese, 4 anziani, tutti ospiti di una residenza per anziani: tre sono donne, il quarto, un uomo di 98 anni. Le donne avevano 88, 89 e 92 anni.
Dal focolaio alla Asp di Tolmezzo (casa di Riposo), altri 4 casi: tre donne tra gli 85 ed i 93 anni ed un uom di 86.

A Trieste, 5 vittime: tre spentisi nella propria abitazione. Il più giovane aveva 79 anni, il più anziano 90.
Gli altri decessi: una donna di 93 anni di Torviscosa, una donna di 91 anni di Cervignano del Friuli, una donna di 83 anni di Gorizia, un uomo di 82 anni di Palmanova, una donna di 80 anni di San Giovanni al Natisone,
un uomo di 80 anni di Manzano, un uomo di 79 anni di Codroipo, un uomo di 79 anni di Coseano, un uomo di 65 anni di Paularo: tutti deceduti in ospedale, mentre si è spento in casa un 77enne di San Giovanni al Natisone.
Nella triste conta anche un uomo di soli 45 anni, affetto però da precedenti patologie, di Duino Aurisina, morto in ospedale.

Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi.
Per quel che riguarda le nuove positività al virus, nel settore delle residenze per anziani sono stati rilevati 23 casi di persone ospitate nelle strutture regionali, mentre gli operatori sanitari che sono risultati contagiati all’interno delle stesse strutture sono in totale 10.

Sul fronte del Sistema sanitario regionale da registrare nell’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale le positività al Covid di un infermiere, due Oss e un medico; nell’Azienda sanitaria Friuli Occidentale di un infermiere; nell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina di un infermiere, un tecnico e un Oss.
Infine da registrare le positività al virus di una persona rientrata dalla Romania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button