Friuli Venezia Giulia

Covid Fvg/T.I. e altri reparti in calo, 25 i decessi

Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 309 nuovi contagi su 5.701 tamponi molecolari processati, con una percentuale di positività del 5,42%. 

Sono inoltre 6.241 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 104 casi (1,66%)

I decessi registrati assommano a 17, a cui se ne aggiungono altri 8 antecedenti il 4 febbraio.

Si riducono i ricoveri nelle terapie intensive (63) così come quelli in altri reparti (533).

Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

I decessi complessivamente ammontano a 2.547: 584 a Trieste, 1.240 a Udine, 555 a Pordenone e 168 a Gorizia. 

I totalmente guariti sono 54.764, i clinicamente guariti salgono a 1.644, mentre diminuiscono le persone in isolamento che oggi risultano essere 10.276.

Dall’inizio della pandemia, in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 69.827 persone: 13.823 a Trieste, 30.987 a Udine, 15.834 a Pordenone, 8.349 a Gorizia e 834 da fuori regione.

Nel dettaglio dei dati odierni, nelle residenze per anziani sono stati rilevati 17 casi di positività tra gli ospiti e 6 tra gli operatori sanitari delle stesse strutture.

Sul fronte del Sistema sanitario regionale, da registrare nell’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale le positività al Covid di due impiegati, un amministrativo e un infermiere; nell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina di un infermiere.

“Anche all’interno del nostro Servizio sanitario regionale saranno utilizzabili, in via straordinaria, gli anticorpi monoclonali per curare i cittadini del Friuli Venezia Giulia”.

Lo hanno reso noto oggi il governatore Massimiliano Fedriga e il suo vice con delega alla Salute Riccardo Riccardi, dopo che l’Agenzia italiana del farmaco ha dato il via libera all’uso degli anticorpi monoclonali nella lotta al Covid-19.

Il loro utilizzo era infatti già oggetto di approfondimento in uno studio multicentrico in cui erano coinvolte le infettivologie delle tre Aziende sanitarie regionali. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button