Veneto

Covid/Crisanti: serve un miglior tracciamento (+ Immuni?)

E’ necessario un piano di tracciamento nazionale per isolare i contatti delle persone positive al virus.
Anche così si evita l’impennata della curva epidemica.

Lo ha riferito pochi minuti fa a Skytg24, il direttore del dipartimento di microbiologia dell’Università di Padova Andrea Cristanti.
Il luminare ha riferito che il coprifuoco può essere un’arma in più per arginare la pandemia, ma servono interventi strutturali e soprattutto più tamponi.

Crisanti però si è soprattutto focalizzato sul tracciamento e sull’isolamento, che lui non ritiene sufficienti in Italia.
Occorrerebbe esportare tout court il modello coreano o persino quello australiano.

Un sistema di tracciamento più simile a una rete di sorveglianza e allora in questo caso entrerebbero in campo anche le forze dell’ordine.
Non facendo nulla in tutta l’estate, stiamo mettendo a rischio la vita degli operatori sanitari, degli italiani e anche l’economia del nostro Paese.
Non è un bel segnale.

Chi controlla l’epidemia, nei prossimi due anni, sarà il più virtuoso dal punto di vista economico, noi stiamo dando un vantaggio economico pauroso a Cina, Corea del Sud e Giappone.
Fare paragoni con altri paesi europei è improprio, c’è l’imperativo morale di fare meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button