Friuli Venezia Giulia

Covid/Al Cara di Gradisca 9 positivi: la Lega chiede sia Zona Rossa

Trieste – “Alla luce dei dati provenienti dai tamponi effettuati, giunge notizia che 9 ospiti del Centro di accoglienza per richiedenti asilo (Cara) di Gradisca d’Isonzo sarebbero risultati positivi al Coronavirus.
Anche se spostati nella tensostruttura allestita nel Centro, attualmente nessuno è sottoposto a quarantena e dunque sono liberi di girovagare sul nostro territorio mettendo a rischio la salute pubblica.

Chiedo che intervengano quanto prima le istituzioni competenti, in primis ministro degli Interni e prefettura, affinché il Cara e il coesistente Centro di permanenza per i rimpatri (Cpr) vengano dichiarati zona rossa”.
La nota è del consigliere regionale della Lega Diego Bernardis, che denuncia la notizia dei 9 immigrati del Cara di Gradisca “che sarebbero positivi al Coronavirus e l’urgente necessità di misure utili a limitare il diffondersi del contagio sul territorio goriziano”.

“Dopo tutti i sacrifici che i cittadini del Friuli Venezia Giulia sono stati costretti a fare e che tutt’ora fanno con encomiabile senso di responsabilità – aggiunge Bernardis -, senza contare i grandissimi danni patiti dalla nostra economia, occorre attuare tutte le misure necessarie per evitare che il maledetto virus possa correre e diffondersi sul nostro territorio. Pertanto ritengo opportuno e quanto mai urgente che gli immigrati e i richiedenti asilo presenti presso il Cpr-Cara di Gradisca vengano sottoposti a quarantena, così come fanno tutti i cittadini italiani nel caso di positività”.

“Ancora una volta siamo costretti a pagare le conseguenze delle scellerate politiche immigrazioniste del Governo giallorosso che, tenendo spalancati i porti e i valichi di terra, lascia che in Italia arrivino quotidianamente migliaia di immigrati clandestini su cui non c’è alcuna certezza di negatività al virus, ma che dobbiamo comunque mantenere a nostre spese nonostante, ancor più in questo periodo, le poche risorse disponibili sarebbe opportuno destinarle prima agli italiani”, conclude la nota dell’esponente della Lega.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button