Veneto

Covid-19/Zaia chiede al Governo passo indietro sulle 3 province venete

Per il Governatore veneto Luca Zaia non sussistono gli estremi per includere Venezia, Treviso e Padova nella nuova zona rossa certificata dal Governo la notte scorsa.

A supporto della sua richiesta, Zaia porta i dati sulla diffusione del virus relativi a ieri mattina.

Treviso, vi si legge, è si un cluster della malattia, ma quasi totalmente dentro l’Ospedale: 49 dei positivi sono personale ospedaliero e buona parte degli altri pazienti della locale Geriatria infettati dalla paziente ivi ricoverata e poi deceduta.

La tabella regionale indica, a ieri mattina, 110 casi, uno in più rispetto al rapporto del giorno precedente.

Per Venezia, 100 casi, 4 in più della sera prima.

Per Zaia, mettere in zona rossa queste due province e il padovano è decisione scientificamente sproporzionata rispetto al problema reale (a Padova 132 casi, 14 in più dalla sera precedente, ma ben 84 sono dell’area di Vò Euganeo).

L’ultima parola spetterà all’Esecutivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button