Home -> Curiosità -> Costose disattenzioni/Distruggono per errore un pianoforte Fazioli: un danno da 150 mila euro
Paola Hewitt con Paolo Fazioli

Costose disattenzioni/Distruggono per errore un pianoforte Fazioli: un danno da 150 mila euro

Si può amare tanto il proprio strumento da piangerne la dipartita e sperare che sia felice nel Paradiso dei pianoforti.

E’ il concetto espresso dalla nota pianista canadese Angela Hewitt, vittima di un increscioso incidente che l’ha privata del suo Fazi8 F278, un pezzo unico al mondo prodotto dalla sacilese Fazioli.
Unico perchè dotato del meccanismo a 4 pedali normalmente riservato al modello F308 e del valore di circa 150 mila euro.

Angela l’ha perso a Berlino, alla fine delle registrazioni del suo ultimo cd.
Gli operai (specializzati in questo genere di lavori) chiamati a rimuovere il piano dalla sala di registrazione, nelle fasi di carico l’hanno fatto cadere da un’altezza considerevole.

Tanto da romperne il telaio in ferro, oltre a molte delle parti in legno.
Il piano di Angela è stato successivamente ispezionato dall’Ing. Fazioli e dal suo staff che, purtroppo, ne hanno dovuto decretare la morte.
Troppo gravi, i danni patiti, per poter sperare di ripararlo.

La pianista canadese ha affermato di aver dovuto attendere una decina di giorni, prima di dare la triste notizia al mondo, perchè duramente provata.
“Almeno nessuno si è fatto male” ha poi commentato.
“Ho adorato questo piano. Era il mio migliore amico, il miglior compagno.
Mi è piaciuto come mi sentivo quando stavo registrando, dandomi la possibilità di fare tutto ciò che volevo” ha aggiunto.

L’Assicurazione le risarcirà il non irrilevante danno economico, mentre la sacilese Fazioli sta già lavorando alla costruzione di tre nuovi modelli creati per le sue esigenze.
Tanto che la Hewitt assicura che avrà un Fazioli alla sua prossima tappa italiana, prevista quest’estate in Umbria.

Spero che il mio piano sia felice nel paradiso dei pianoforti, conclude l’artista ricordando lo strumento (sacilese) che tanto le ha dato.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*