Pordenone

Coronavirus/Sulla Costa Smeralda anche Luca, di Fontanafredda e Debora di Pordenone

Due casi sospetti, madre e figlio, all’aeroporto di Tessera, subito smentiti, la scorsa settimana, oggi due nuovi casi al vaglio dei medici nel trevigiano: la paura per una diffusione del contagio da Coronavirus spinge le autorità sanitarie a prendere serie contromisure.

Tra queste, anche lo stop allo sbarco di circa 6 mila persone dalla nave da crociera Costa Smeralda, al porto di Civitavecchia, dopo che si erano registrati due casi sospetti della terribile influenza.

Casi anche questi smentiti, per cui un paio d’ore fa i passeggeri della nave sono potuti scendere dopo essersi sentiti, almeno per alcune ore, prigionieri e non più vacanzieri spensierati.

A bordo della Costa Smeralda c’erano anche due ragazzi pordenonesi in crociera nel Mediterraneo: Debora Goz, 30enne di Pordenone e Luca Martin, 24 anni, di Fontanafredda.
I due ragazzi sembrano non aver ceduto alla paura: hanno atteso con calma l’esito degli accertamenti medici e, dopo la notizia che l’allarme era rientrato, ora si apprestano a proseguire una vacanza che volge ormai al termine: la prossima tappa li riporterà infatti a casa, sani e dsalvi e con una curiosa, un po’ tetra avventura in più da raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button