Veneto

Coronavirus: ripensare modello distributivo regionale Veneto per sistema agroalimentare

La crisi dettata dall’emergenza Coronavirus deve diventare occasione per ripensare il modello distributivo delle filiere agroalimentari venete e per impostare un ‘nuovo Rinascimento’ dell’economia regionale, e in particolare dei comparti del ‘food’ e del ‘wine’ che sono l’asse portante dell’”industria” turistica e dell’export veneto.
Lo ha ribadito l’assessore regionale all’Agricoltura, Giuseppe Pan, incontrando (in videoconferenza), i grossisti, i rappresentanti dei grandi mercati ortofrutticoli del Veneto (Verona Mercato, MAAP di Padova e C.O.M di Treviso), dei mercati dei produttori (Chioggia e Lusia) e di Federdistribuzione.

Se il sistema delle grandi catene dei supermercati e ipermercati registra in questi giorni incrementi di fatturato del 14-15% a livello nazionale, con aumenti delle vendite di frutta e verdura del 10-12%, diversamente i grandi mercati ortofrutticoli regionali registrano solo nelle due prime settimane di marzo un calo dei volumi e del fatturato del 20-25%, con punte fino al 40 % per i grossisti del Maap di Padova, a causa del crollo del turismo e del fermo totale della ristorazione.
Per i produttori diretti di radicchio, primizie e ortaggi in foglia – hanno testimoniato i mercati di Brondolo a Chioggia e di Lusia in Polesine – lo stop dei mercati rionali e delle fiere di primavera ipoteca il 70 per cento del fatturato annuale e getta nell’incertezza totale aziende agricole, centri di raccolta e l’intera filiera territoriale. Ma, nel contempo, l’impennata delle vendite online fa ragionare produttori locali e grossisti sull’apertura di nuovi canali distributivi, sinora poco esplorati.

“La filiera agroalimentare è l’asse portante della società e dell’economia – ha ricordato Pan – È stata la prima ad essere colpita dall’emergenza sanitaria, ma deve essere anche la prima a ripartire, con un nuovo modello organizzativo che colga le opportunità indicate dalle criticità emerse in questa grave esperienza di crisi.
Dobbiamo farci trovare pronti alla ripartenza, progettando sin d’ora nuove sinergie tra le catene della grande distribuzione, le grandi piattaforme distributive dei mercati all’ingrosso, le realtà dei mercati dei produttori e le nuove catene distributive al dettaglio, per rilanciare, in Italia e all’estero, immagine, qualità e vendita del ‘made in Italy’”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button