Friuli Venezia Giulia

Coronavirus: la situazione migliore al nord, in FVG. Ecco tutti i dati

Le persone attualmente positive al Coronavirus in Friuli Venezia Giulia (la somma di quelle ricoverate e in via prudenziale di quelle clinicamente guarite e in isolamento domiciliare) sono 879, mentre i totalmente guariti sono 1.956, 35 in più rispetto a ieri, e i clinicamente guariti (persone senza più sintomi ma non ancora negative al tampone) sono 78.
Oggi si registra un solo decesso, quindi il numero complessivo di morti da Covid-19 sale a 313.

Per quanto riguarda i pazienti affetti da Coronavirus deceduti, i dati su base territoriale sono i seguenti: Trieste 170 casi; seguono Udine 73; Pordenone 66 e Gorizia 4.
Relativamente alle persone risultate positive al virus dall’inizio dell’epidemia, l’area triestina ha registrato 1.328 infettati; Udine 970, Pordenone 654 e Gorizia 196.

Sono 2 i pazienti che si trovano in terapia intensiva, mentre i ricoverati in altri reparti risultano essere 96 e le persone in isolamento domiciliare sono 703.

Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute e Protezione civile, Riccardo Riccardi che ha voluto sottolineare con il Friuli Venezia Giulia sia la Regione con la situazione migliore del Nord Italia, anche grazie all’importante azione di screening, le cui curve dimostrano che gli andamenti dell’esecuzione dei tamponi nelle case di riposo è analogo a quello sul resto della popolazione.
Per quanto riguarda il rapporto standardizzato di incidenza del virus, il Friuli Venezia Giulia si attesta allo 0,41 rispetto al parametro di riferimento della media Italia (1), ovvero ben al di sotto di essa e delle altre regioni del Nord”.

“Per quanto riguarda le strutture per anziani, quelle di grandi dimensioni che sono state capaci di mettere in atto modelli organizzativi adeguati all’emergenza, sono riuscite a contenere la diffusione del virus, mentre sarà necessario una riflessione complessiva sulle altre dimensioni.
Il dato aggiornato al 5 maggio evidenzia 676 contagiati nelle case di riposo, dei quali circa il 25% risulta già guarito, mentre i decessi sono 151 con un’età media di 87 anni. Di questi, 103 sono avvenuti nelle case riposo e 48 in ospedale.
A Trieste sono decedute 78 persone, a Udine 53 e 20 a Pordenone; questi dati evidenziano come il territorio con il rapporto tra contagi e decessi più alto sia quello pordenonese (28,2%), seguito da Udine (26,6%), mentre Trieste ha il 19,5%”.

Riccardi ha quindi evidenziato che “la futura sfida al Covid-19 si fonda su due pilastri: utilizzare i dispositivi di protezione individuale e aumentare la strategia di contenimento del virus, sfruttando anche l’innovazione tecnologica. Una volta terminata l’emergenza, dovremo però cogliere l’occasione per ricalibrare l’offerta ospedaliera e migliorare quella territoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button