Friuli Venezia Giulia

Coronavirus/In Fvg la mancanza di protezioni per i sanitari scatena la polemica

“Tutelare il lavoratore e tutti i pazienti e permettere di operare in modo sicuro nel proprio luogo di lavoro è un reale obbligo e dovere dell’assessore Riccardi.

Basta mettere avanti le mani e chiedere che Fedriga intervenga
chiedendo a Conte un intervento mediante invio in Regione del
materiale arrivato dall’estero”.

Ad affermarlo in una nota è il consigliere regionale Furio
Honsell, esponente di Open Sinistra Fvg, commentando quanto
riportato dai giornali circa le dichiarazioni sulla mancanza dei
principali e basilari dispositivi di protezione (mascherine
adeguate, occhiali protettivi e guanti) contro COVID-19 per gli
operatori sanitari, per cui si rischia una maggiore diffusione
dei contagi all’interno delle strutture ospedaliere.

“Il responsabile dell’Amministrazione regionale – insiste Honsel, si sarebbe dovuto già attivare alcune settimane fa per verificare la presenza e la disponibilità dei principali dispositivi di sicurezza, validi per tutti gli operatori sanitari (dal medico di famiglia al pediatra, dagli OSS agli infermieri e medici degli ospedali), al fine di prevenire contagi in strutture
che dovrebbero curare invece che contagiare o far ammalare le
persone”.

“Dovevano già nel passato – prosegue il consigliere – essere previsti degli acquisti di questo tipo: più e più volte nelle sedi preposte avevo espresso i miei dubbi relativamente alla carenza di azioni dedicate alla prevenzione per i cittadini e alla necessità di procedere con risorse più adeguate per le borse di specializzazione mediche, ma purtroppo la risposta dataci in
sede di discussione di una mozione dedicata e dei provvedimenti
della Legge di stabilità si era limitata, liquidandoci, al riferire che tale misura era già stata ampliata con alcune risorse in più”.

“Forse – aggiunge Honsell -, durante l’ultima stabilità sarebbe stato più opportuno ridurre i fiumi di denaro che sono stati investiti in sistemi di videosorveglianza e fototrappole ai confini, utilizzate come propaganda elettorale, e inserire invece più risorse nelle misure di prevenzione”.

“Proprio nelle scorse leggi di riforma sanitaria – conclude il
rappresentante di Open sinistra Fvg – avevamo proposto diversi
emendamenti, molto importanti sul tema della prevenzione, ma
purtroppo in quelle occasioni sono stati bocciati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button