Home -> Treviso -> Coronavirus: Banca Finint dona 4 sistemi computerizzati alla terapia intensiva Ospedale Conegliano

Coronavirus: Banca Finint dona 4 sistemi computerizzati alla terapia intensiva Ospedale Conegliano

Anche Banca Finint ha voluto dare il suo contributo alla sanità veneta per fronteggiare questi momenti difficili.
Per l’Ospedale di Conegliano, banca Finint ha acquistato due letti per la terapia intensiva completi di portabombola, asta flebo e asta sollevamento laterale e bilancia, e 4 sistemi computerizzati per l’infusione di farmaci e soluzioni per un totale di oltre 100.000€: si tratta di sistemi di ultima generazione che consentono l’infusione computerizzata di farmaci e soluzioni e aiutano i sanitari ad avere un controllo moderno e sicuro nella somministrazione dei farmaci ottenendo una migliore gestione del paziente.

“La pandemia del Coronavirus sta mettendo a dura prova famiglie e imprese e la sanità veneta è da settimane in prima linea per combattere questo nemico invisibile. Per questo abbiamo quindi deciso di mettere assieme le forze per dare un primo segno tangibile di vicinanza agli ospedali dei territori che ci ospitano, che ci hanno visti crescere e assieme ai quali torneremo ad essere grandi protagonisti della vita e dell’economia di domani.
Abbiamo pensato che fosse giusto poter essere concreti da subito provvedendo all’acquisto e alla donazione di 4 sistemi computerizzati per la somministrazione di farmaci e soluzioni, insieme a due letti per la terapia intensiva che saranno consegnati nei prossimi giorni”, ha dichiarato Enrico Marchi, Presidente di Banca Finint.

C’è ancora molto da fare: proprio per questo, grazie alla collaborazione dell’associazione “Per mio Figlio” abbiamo anche aperto una pubblica sottoscrizione per invitare tutti a sostenere l’Ospedale di Conegliano con una donazione libera.
IBAN IT47V0306909606100000160572, c\c intestato ad Associazione “Per Mio Figlio” Onlus indicando nella causale: “BANCA FININT – emergenza coronavirus”. (Codice swift BCITITMM per bonifici dall’estero).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*