Friuli Venezia Giulia

Contrabbando/Intercettate al porto oltre 30 tonnellate di tabacco

Operazione congiunta degli uomini dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli e della Guardia di Finanza, nei giorni scorsi, al Porto di Trieste.
Sono state intercettate 30 tonnellate di tabacchi lavorati esteri provenienti dal Malawi e destinati al nostro paese, in totale evasione
dell’accisa.

A destare i sospetti di finanzieri e funzionari ADM era stata un’ingente partita di tabacco “sfuso” stoccato temporaneamente in un magazzino del punto franco di Trieste.
Nella documentazione il prodotto veniva classificato come “cascame di tabacco” e quindi non gravato da accisa, ma già ad un primo, sommario controllo appariva ad occhio del tutto lavorato.

La conferma si è poi avuta con gli esami condotti dai Laboratori Chimici dell’Agenzia dell’ADM di Roma: si trattava di tabacco pronto ad essere fumato e quindi tassabile.
Il carico è finito sotto sequestro penale: 31.500 Kg lordi del tabacco che, se immesso sul mercato, avrebbe originato un danno erariale superiore ai 5 milioni di euro tra dazi, Iva e accisa non corrisposti.

Due soggetti residenti in Turchia, dirigenti e azionisti di riferimento della società coinvolta, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Trieste per il reato di tentato contrabbando aggravato di Tabacchi Lavorati Esteri.
Il procedimento è stato poi avocato dalla Procura Europea, sede di Venezia, per la natura transnazionale delle accuse mosse ai due.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button