Pordenone

Consorzio Universitario di Pordenone: Assemblea dei soci, Amadio conclude doppio mandato

Si è tenuta oggi presso la sala Ellero di Palazzo Badini l’Assemblea dei Soci del Consorzio di Pordenone per la formazione superiore, gli studi universitari e la ricerca.

Si è trattata dell’ultima assemblea per il presidente uscente Giuseppe Amadio che conclude così il suo doppio mandato (in carica dal 2012) tra i ringraziamenti dei soci per aver traghettato il Consorzio in anni difficili fino all’attuale completa affermazione di un polo universitario eccellenza del territorio della Destra Tagliamento.
Grazie all’indispensabile supporto dei soci: Comune di Pordenone, Fondazione Friuli, Confindustria Alto Adriatico, BBC Pordenonese e Monsile, CCIAA di Pordenone e Udine, Comune di Porcia, Comune di Prata, comune di Roveredo e Friul Intagli Industries S.p.A. si è fortemente stabilizzata l’offerta formativa unica in regione, contenuti tutti i costi e resa attrattiva a livello nazionale una sede tecnologicamente avanzata.

Scaduto anche il mandato dei consiglieri del Consorzio di amministrazione a cui il presidente Amadio ha espresso il proprio ringraziamento per il lavoro svolto e i Soci hanno eletto i nuovi componenti:

Paronuzzi Norberto e Dalla Torre Giovanni Mauro, della lista dei candidati proposta dal socio fondatore Comune di Pordenone;
Colin Michela della Fondazione Friuli socio benemerito;
Candotti Paolo, espressione della CCIAA Pordenone e Udine socio ordinario;
Manassero Mauro, proposto nella lista della BCC Pordenonese e Monsile socio ordinario;
Olivotto Marco, proposto da Confindustria Altro Adriatico socio ordinario;
Romeo Maria Carmela, espressione dei soci sostenitori pubblici Comuni di Porcia, Prata e Roveredo;
Adreazza Paolo, proposto da Friul Intagli Industries S.p.A. socio sostenitore privato.

Il nuovo Consiglio sarà convocato al più presto per eleggere tra i propri componenti il nuovo Presidente e il suo vice.

Durante l’assemblea è stato anche approvato il bilancio consuntivo 2021 dell’ente che chiude con una perdita di 31.458€ dovuta al completo revamping dell’impianto fotovoltaico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button