Home -> Treviso -> Conegliano: un mese di prevenzione contro il tumore al seno

Conegliano: un mese di prevenzione contro il tumore al seno

Insieme al mese di ottobre iniziano anche 30 giorni di campagna di prevenzione contro il tumore al seno, una malattia che colpisce le donne soprattutto nella fascia tra i 49 e i 69 anni di età.
L’associazione Lilt (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) si è prefissata da ormai quasi trent’anni l’impegno urgente di sensibilizzare le donne su un tema che purtroppo non ha sufficiente presa in termini di prevenzione.
A Conegliano l’attenzione è rivolta tutta al mese di ottobre, come spiega il sindaco Fabio Chies: “Le strade e i maggiori siti di interesse come la fontana dei cavalli di via Cavour e palazzo Sarcinelli saranno illuminati di rosa, il colore distintivo di questa campagna”.
In particolare, a partire da domenica 6 ottobre il mese intero sarà costellato di manifestazioni e incontri volti a coinvolgere il maggior numero di persone, uomini e famiglie compresi, attraverso spettacoli, sfilate, incontri di carattere scientifico e divulgativo.
L’obiettivo, spiega Iva Bin, responsabile di Lilt Conegliano, è creare delle situazioni in cui gli interessati siano sempre di più e si possano chiarire una serie di dettagli, dubbi, procedure e dati poco chiari o conosciuti.
“L’ottima sinergia tra pubblici privati e volontari continua a dare i suoi frutti – commenta il dottor Francesco Benazzi, – le previsioni per il prossimo anno sono di 275 tumori al seno: la prevenzione ha abbassato di molto i numeri delle donne colpite, arrivando al 31%.
Rimane comune il tumore con più incidenza nelle donne, anche se oggi abbiamo il 97% dei successi nei trattamenti”.
L’impegno costante della Lilt avverrà attraverso incontri con medici, psicologi ed esperti in senologia che saranno a disposizione durante eventi formativi e innovativi, come la sfilata in rosa in Corte delle Rose e l’incontro gestito da esperti condotto in saloni di parrucchieri che aderiscono all’iniziativa, generando un connubio tra dati scientifici e informalità che permette un maggiore avvicinamento del pubblico.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*