Treviso

Conegliano/Ora in Ospedale le mamme hanno uno spazio protetto dove allattare

E’ stato inaugurato oggi all’ospedale di Conegliano il “Baby pit stop”, un ambiente protetto nel quale le mamme possono sentirsi a proprio agio per allattare il loro bambino e provvedere al cambio del pannolino.
Lo spazio, allestito a cura del Club Soroptimist Conegliano-Vittorio Veneto e ricavato nella piastra ambulatoriale, è attrezzato con un fasciatoio, un tavolino e una poltroncina.
Lunedì scorso era stato inaugurato un analogo spazio nella piastra ambulatoriale dell’ospedale di Vittorio veneto.

Alla cerimonia erano presenti il direttore generale dell’Ulss 2 Marca Trevigiana Francesco Benazzi, il direttore dell’ospedale di Conegliano Marco Fusco, l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Conegliano Gaia Maschio, la presidente del Soroptimist Club Conegliano-Vittorio Veneto Lucia Casagrande, la vicepresidente Giovanna Casellato, la presidente incoming Jane Wood, la segretaria Patrizia Chiamulera e la coordinatrice della piastra ambulatoriale Stefania Visentin. Hanno partecipato, inoltre, la presidente regionale Unicef Mariella Andreatta e la presidente del comitato Unicef di Treviso Velina Cristizio con due rappresentanti.

Il “Baby pit stop” è tra le iniziative realizzate dall’Unicef per garantire i diritti sanciti dalla Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, in particolare l’art. 24 che tutela il diritto alla salute; si inserisce nell’ambito del Programma Unicef “Ospedali&Comunità Amici dei Bambini” e prevede l’allestimento di aree attrezzate per accogliere le mamme che vogliono allattare i propri figli quando si trovano fuori casa.


Nel 2019 il Soroptimist International d’Italia, su impulso dell’allora Presidente Nazionale Mariolina Coppola, ha siglato con il Comitato Italiano per l’Unicef Onlus un protocollo d’intesa per la promozione del progetto nazionale “Baby pit stop”, con l’obiettivo di allestire spazi accoglienti e gratuiti dedicati all’allattamento e alla cura delle/dei bambine/i, e di sostenere la realizzazione di iniziative, progetti e attività finalizzati alla tutela del benessere psicofisico delle mamme e dei bimbi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button