Treviso

Conegliano/Intervento notturno per salvare l’occhio ad una paziente affetta da perforazione oculare

Intervento notturno, all’ospedale di Conegliano, dell’équipe di oculistica, diretta dal primario Giovanni Prosdocimo, per salvare il bulbo oculare e mantenere la vista ad una paziente.
“Ieri sera – spiega il dottor Prosdocimo – si è presentata alla nostra osservazione una paziente settantenne affetta da una grave malattia autoimmune dell’occhio (pemfigoide oculare), per cui era già stata sottoposta alcuni mesi fa a intervento di innesto di membrana amniotica.

Dopo un periodo di benessere, la situazione è precipitata con la comparsa ieri di una perforazione oculare e quindi un rischio di perdita totale del bulbo, e di conseguenza della vista.
Attivate le procedure interne di emergenza e contattata la Banca degli Occhi del Veneto, è stato possibile ottenere nel giro di poche ore un tessuto corneale donatore e, grazie alla collaborazione del servizio di Anestesia e Rianimazione, procedere all’esecuzione, nel corso della notte (l’intervento è finito alle ore 3 circa) di un trapianto corneale a bottone che ha ricostituito l’integrità del bulbo”.

L’équipe intervenuta nella notte sulla paziente era composta dagli oculisti, Daniele Brocca e Francesco Romano, e dall’anestesista Antonio Balsarin.
“La mia più grande soddisfazione in questi ultimi anni – ha commentato Prosdocimo – è stata il vedere l’autonomia, le capacità professionali e la dedizione dei miei collaboratori ed ex collaboratori da me addestrati nella chirurgia corneale”.

“All’équipe che ha eseguito l’intervento questa notte – sottolinea il direttore generale, Francesco Benazzi – va il mio più sentito ringraziamento per la professionalità e la tempestività con cui hanno operato la paziente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button