Home -> Veneto -> Centri estetici camuffati da associazioni/La GdiF scopre maxi evasione da 4,6 mln di euro

Centri estetici camuffati da associazioni/La GdiF scopre maxi evasione da 4,6 mln di euro

Bel colpo della Guardia di Finanza di Padova che, con l’indagine ribattezzata “La Grande Bellezza”, ha individuato una vera e propria catena di centri estetici che figuravano come associazioni (non
riconosciute), mentre di fatto erano vere e proprie attività commerciali.

Secondo le Fiamme Gialle, facevano capo ad una coppia di imprenditori (C.G. di Bagnoli di Sopra e F.D. di Stanghella) e ad un loro collaboratore (B.G. di Este), operanti da svariati anni nel settore degli istituti di bellezza e già noti per altre irregolarità.

I controlli ispettivi hanno interessato 8 associazioni riconducibili ad amici e familiari compiacenti dei tre, i quali rivestivano solo formalmente la carica di presidenti delle realtà sociali investigate.

I saloni di bellezza operavano tanto nella bassa padovana (Conselve, Abano Terme, Monselice, Este, Piove di Sacco), quanto in altre province venete (nel veneziano, nel rodigino e perfino a Cortina d’Ampezzo).

Nel tempo, i centri estetici, anche grazie ai prezzi concorrenziali consentiti dall’evasione fiscale, avevano attirato un sempre maggior numero di clienti, tanto da raggiungere una media annuale di circa 4.500 soci.

Inoltre, tutti i centri pubblicizzavano la propria attività utilizzando un marchio comune, un unico
sito internet, dei listini prezzi caratterizzati dalla stessa grafica, prezzi coincidenti e tipologie di trattamento offerti al pubblico, con sul retro gli indirizzi delle varie sedi patavine, tanto da lasciar intendere agli avventori di essere parte di un’unica “catena commerciale”.

Anche se all’ingresso dell’esercizio era riportata la dicitura “Riservato ai soci” e l’accesso ai servizi avveniva previo tesseramento gratuito all’associazione, l’unica differenza rispetto ad un normale centro estetico era costituita dall’assenza di registratori di cassa, sebbene per ogni trattamento estetico fosse necessario corrispondere una specifica tariffa.

Oltre alle 8 associazioni, l’operazione della Guardia di Finanza ha interessato ulteriori 7 soggetti economici (2 società di capitali, 2 società di persone e 3 ditte individuali), gestiti dal medesimo pool imprenditoriale, relativamente ai quali è stata constata l’omessa registrazione di operazioni imponibili, l’occultamento della documentazione contabile e, in taluni casi, anche l’omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali.

Gli accertamenti effettuati hanno permesso di rilevare come le sedi delle società e delle ditte individuali si alternassero frequentemente e/o si sovrapponessero a quelle degli enti non commerciali e che numerosi dipendenti o ex dipendenti delle prime rivestivano il ruolo di presidente o socio-lavoratore nell’ambito delle associazioni, creando commistione e confusione nella gestione dei diversi istituti di bellezza.

Le associazioni operavano di fatto come aziende nel settore dell’estetica e, attraverso l’analisi degli statuti, della documentazione contabile ed extracontabile e soprattutto dell’operatività dei soci, di fatto veri e propri clienti, si è evidenziato come tutte le entrate confluissero nelle casse degli imprenditori senza alcuna dichiarazione fiscale.
Proprio al fine di sviare i controlli, uno dei soggetti, pur manifestando un elevato tenore di vita, non risultava intestatario di alcun immobile né di autoveicoli.

L’operazione in questione ha portato alla denuncia dei tre soggetti per il reato di Occultamento di scritture e documenti contabili, di scoprire 6 evasori totali e di rilevare complessivamente ricavi non dichiarati al Fisco per un importo di quasi 4 milioni e 600 mial euro, oltre al mancato versamento di IVA per quasi un milione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*