Home -> Venezia -> Carnevale di Venezia/2 denunce per atti osceni e 23 multe per atti indececenti

Carnevale di Venezia/2 denunce per atti osceni e 23 multe per atti indececenti

La Polizia Locale del Comune di Venezia ha fornito un report delle attività svolte in occasione del Carnevale 2019 per garantire la sicurezza e il buon andamento delle manifestazioni.
In particolare, durante il Carnevale sono stati effettuati:
• 1 arresto e 3 denunce a piede libero per furto aggravato (borseggi);
• 1 arresto e 2 denunce a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale;
• 2 denunce a piede libero per atti osceni in luogo pubblico;
• 2 denunce a piede libero per spaccio di sostanze stupefacenti;
• 1 denuncia a piede libero per imbrattamento;
• 7 segnalazioni alla Prefettura di soggetti dediti al consumo di sostanze stupefacenti;
• 3 verbali per violazioni amministrative per ubriachezza manifesta;

• 23 verbali per violazioni civili/violazioni amministrative al regolamento di Polizia Urbana per atti contrari alla pubblica decenza a persone sorprese a urinare sulla pubblica via;

• 9 verbali per violazioni amministrative dell’ordinanza sindacale sui contenitori in vetro;

• 2 verbali per violazioni amministrative a gestori di attività di somministrazione che non avevano tenuto pulito il proprio plateatico e l’area immediatamente limitrofa al proprio esercizio, come prescritto dai regolamenti vigenti.

Il Comandante generale della Polizia Locale, Marco Agostini, ha espresso i più sentiti ringraziamenti per la professionalità, la dedizione e lo spirito di servizio dimostrati a tutto il personale operante e ai volontari che hanno sacrificato il loro tempo libero al servizio della comunità.

“11.636 ore di servizio – ha commentato il comandante – sono una mole di lavoro enorme per garantire a cittadini e ospiti di godere della città nel modo più sereno e sicuro possibile e non posso non essere grato per questo a tutti i miei collaboratori, ai volontari, a tutti coloro che, come sempre, si sono dimostrati una vera eccellenza di questo territorio”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*