Treviso

Cardiologia di Conegliano, impiantato pacemaker senza fili

L’équipe aritmologica della Cardiologia di Conegliano, diretta dal dr Roberto Mantovan, ha proceduto nei giorni scorsi all’applicazione di un dispositivo senza fili all’interno del cuore a un paziente di 81 anni con precedenti infezioni.

Pacemaker inserito al termine della procedura

“E’ il primo pacemaker di questo tipo che impiantiamo al Santa Maria dei Battuti ¬– spiega il primario -. Si tratta di un dispositivo che viene applicato all’interno del ventricolo destro, adatto per pazienti con caratteristiche cliniche particolari, che lavora autonomamente per molti anni – continua il dr Mantovan. L’impianto è piuttosto rapido, circa 40 minuti, ma richiede una consolidata esperienza di interventistica aritmologica”.

Il pacemaker senza fili è un dispositivo molto piccolo, circa tre cm di lunghezza, che al suo interno contiene la batteria che dura circa 7 anni e un micro computer con tutte le funzioni di un normale pacemaker.
“E’ dotato di quattro microganci esterni che si attaccano all’interno del muscolo cardiaco, precisa il primario.

Per essere posizionato non necessita di una procedura chirurgica, ma si infila con appositi strumenti attraverso una vena femorale fino al cuore.
L’assenza di fili e di approccio chirurgico lo rende ideale per evitare i rischi di infezione.
Il sistema può essere poi controllato anche a distanza con la telemedicina.
Si tratta di una tecnologia già consolidata, ma ancora in evoluzione”.

L’ intervento eseguito dall’équipe del dr Mantovan conferma l’elevato livello clinico e tecnologico raggiunto dalla Cardiologia di Conegliano nel trattamento delle aritmie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button