Pordenone

Carabinieri di Pordenone arrestano pericoloso latitante ungherese

Ieri sera i carabinieri del Comando Provinciale di Pordenone, hanno arrestato un latitante ungherese.
Sul 40enne Zoltàn Robert BERECZKI, c’era un mandato di arresto europeo per sequestro di persona a scopo di estorsione, evasione, furto, falsificazione di documenti, lesioni personali aggravate, minaccia; reati commessi in Ungheria nel 2020 per i quali dovrà scontare la pena di 15 anni di carcere.

Il pericoloso latitante è stato localizzato grazie anche alla collaborazione della Polizia ungherese, e una lunga attività di appostamento e pedinamento.

Il latitante aveva trovato alloggio in una abitazione isolata di Arzene, frazione di Valvasone.
Ieri sera è scattata la cattura, i Carabinieri hanno atteso che uscisse a bordo dell’autovettura che aveva in uso per bloccarlo e trarlo in arresto.
Il 40enne si è dimostrato sorpreso tanto da mostrare passaporto e patente poi rivelatisi falsi.

La cattura del latitante internazionale ha condotto i carabinieri anche ad arrestare un 52enne B.I. pluripregiudicato italiano che ha favorito la latitanza in Italia dell’ungherese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button