Pordenone

Calcio/Il Pordenone giocherà a Trieste in attesa dei lavori allo stadio di Fontanafredda

Stagione complicata, quella del Pordenone calcio, almeno sul piano logistico.
Risolto anticipatamente l’accordo che vedeva i neroverdi ospiti della Dacia Arena per le loro partite interne, la squadra si è vista costretta ad emigrare a Trieste, dove concluderà il campionato marchiato dal Coronavirus.

Come si legge nel comunicato congiunto di Udinese e Pordenone e spiegato dal direttore generale bianconero, Franco Collavino, nelle attuali condizioni normative, organizzative e logistiche non era possibile trovare altra soluzione operativa che consentisse al Pordenone di giocare ancora alla Dacia Arena.

Nel frattempo, in Regione è approdato ed è stato approvato un emendamento trasversale che assegna un finanziamento di 600mila euro per l’adeguamento alla serie B dello stadio di Fontanafredda.
Lo rende noto il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Mauro Capozzella, tra i firmatari della richiesta.

“Realizzare un’opera faronica, come l’ipotizzata Pordenone Arena, spendendo ingenti risorse anche pubbliche non avrebbe avuto senso, nel momento in cui sono già stati stanziati 2 milioni di euro per interventi al Tognon e, con una somma analoga, si potrebbero completare le opere per rendere la struttura idonea per disputare la Serie B”, aggiunge il consigliere comunale di Fontanafredda, Stefano Della Flora, che insieme a Capozzella ha seguito la vicenda.

La speranza è che l’adeguamento di un impianto già esistente comporti tempi di realizzo decisamnete più brevi che la costruzione di uno stadio del tutto nuovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button