Home -> Curiosità -> Cà Foncello/Due pappagalli in Pediatria

Cà Foncello/Due pappagalli in Pediatria

Nell’Unità Operativa di Pediatria dell’Ospedale Ca Foncello di Treviso è stato realizzato un interessante e innovativo evento nell’ambito della ‘Zooantropologia Didattica’, nel cui ambito ai ragazzi in età scolare vengono fatte vivere esperienze uniche attraverso la relazione diretta con animali di specie domestica. Si tratta di esperienze uniche che hanno una valenza sia educativa sia didattica ma anche e soprattutto di coinvolgimento emozionale e sensoriale.

Ieri ad “approdare” in Reparto sono stati due pappagalli di origine indiana, Alex e Pixel, parrocchetti della specie Grande Alessandrino appartenenti a Katia Danieli, figura nota ed esperta di questa specie, riconosciuta professionalmente come ‘conduttrice dell’animale’. Katia Danieli propone, attraverso la sua associazione ‘Voliamo Esagerare’, attività in ambito socio-sanitario ed educativo nel cui ambito è possibile osservare e interagire con i suoi pappagalli (aspetto relazionale), ascoltare la loro storia (aspetto teorico didattico) e costruire oggetti e giochi per loro (laboratorio pratico).

Nello spazio dell’Oasi Pediatrica l’evento è stato proposto in modo aperto a tutti, e ha coinvolto i bambini e i loro accompagnatori, che su base volontaria hanno partecipato a questa mattinata originale ed interessante.

Si sono fatti carico dell’organizzazione i docenti della Scuola in Ospedale, IC 4 “Stefanini”, con le maestre Carla Giugno e Antonietta Pagliuca, aperte e disponibili a sostenere le iniziative zoo- antropologiche e la conduttrice Katia Danieli, mente e braccio del progetto, che ha lavorato a titolo puramente volontario e gratuito.
I Servizi Veterinari dell’ULSS2, nella figura della Dr.ssa Giovanna Donà, Medico Veterinario esperto in interventi assistiti con gli Animali, garantiscono l’idoneità clinico-sanitaria e attitudinale-comportamentale degli animali che entrano nelle strutture aziendali, monitorando inoltre il mantenimento del loro stato di benessere durante le attività che vi svolgono.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*