Treviso

Cà Foncello/4 semi intensive per assistere i pazienti oncologici post intervento lontani dal Covid

Treviso – La Prima Chirurgia dell’Ospedale Ca’ Foncello risponde all’emergenza Covid attivando quattro posti letto di monitoraggio semi intensivo, per poter gestire in reparto i pazienti oncologici nella fase post intervento.

“Questa riorganizzazione dell’attività di reparto – spiega il primario, Marco Massani – è stata attuata per garantire una risposta ottimale per il trattamento dei pazienti oncologici sottoposti a interventi di “chirurgia maggiore”, che prevedono un monitoraggio post-operatorio di maggiore impegno.

Questo in era pre Covid – ricorda Massani – è sempre stato fatto “appoggiando” il paziente in Terapia Intensiva per il tempo necessario.
La scarsità di posti letto in Terapia Intensiva a seguito dell’emergenza coronavirus ci ha indotti ad attivare, direttamente in reparto, quattro nuovi posti letto di monitoraggio semi-intensivo che da alcune settimane sono pienamente operativi.

La novità sta nell’avere dotato la Prima Chirurgia di una rete cablata che consente il monitoraggio continuo di alcuni letti.
I dati sono registrati e visualizzabili, oltre che dal monitor paziente, anche in due schermi appositi, collocati in guardiola infermieristica.
Grazie all’attivazione dei posti letto di monitoraggio semi intensivo – aggiunge il primario – è stato possibile operare pazienti affetti da tumore del pancreas, del fegato, delle vie biliari, dell’esofago, dello stomaco, dell’intestino e dei polmoni che altrimenti avrebbero rischiato il rinvio dell’intervento.

Solo nell’ultima settimana di attività ben cinque pazienti affetti da patologia tumorale hanno ricevuto cure semi-intensive nei posti letto loro dedicati in reparto.
Nei primi mesi di quest’anno sarebbe stato impensabile: la disponibilità del posto in Terapia Intensiva era una condizione imprescindibile alla chirurgia.

“L’attivazione dei posti letto di monitoraggio semi-intensivo in Prima Chirurgia rappresenta una risposta efficace e tempestiva all’emergenza che stiamo vivendo – sottolinea il direttore generale, Francesco Benazzi.
E’ una soluzione a massima tutela della salute dei pazienti oncologici, che dobbiamo e vogliamo continuare a seguire nel migliore dei modi anche durante questa complessa e impegnativa pandemia: a rendere possibile questa riorganizzazione gli sforzi congiunti di direzione ospedaliera, ufficio tecnico, équipe di Prima Chirurgia e di Anestesia e Rianimazione: un ringraziamento particolare va, anche, al personale infermieristico di sala operatoria e di reparto cui spetta l’onere maggiore del nuovo impegno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button